mercoledì 7 Dicembre 2022

Nuova Zelanda, viaggio in una terra fantastica: visto e informazioni di sicurezza riguardanti il Covid

Una meta immersa nella natura selvaggia, ma anche per gli appassionati di mare e di sport, che strizza l’occhio ai fan del mitico film Il Signore degli Anelli.

Si tratta della Nuova Zelanda, il Paese insulare nel continente oceanico, che oltre ad essere conosciuto negli ultimi anni per aver dare i natali al regista Peter Jackson – che lì ha ambientato numerose scene cella Terra di Mezzo – è un luogo ricco di storia e di tradizioni del popolo Māori che giunse in Nuova Zelanda secoli prima degli occidentali, battezzandola Aotearoa.

Da non perdere una visita alla capitale Auckland, alla città di Wellington, e per chi ama la natura alla Bay of Island, Kaikorua o all’Abel Tasman national park, senza dimenticare di immeregersi nella conoscenza della cultura māori, ma anche dello sport, come il rugby e della vela. Insomma un’esperienza straordinaria per chi ama l’avventura ma anche il cibo fusion e il relax tra le isole, in una nazione che conta poco più di 5 milioni di abitanti.

Come accedere – Richiesta visto alla Nuova Zelanda

Dallʼottobre del 2019 non è più possibile fare un viaggio in Nuova Zelanda senza visto. I turisti e i viaggiatori dʼaffari di tutte le età possono richiedere un visto Nuova Zelanda (NZeTA) online.

Una NZeTA è unʼautorizzazione elettronica di viaggio (“visa waiver”) per la Nuova Zelanda. La sigla NZeTA sta per “New Zealand electronic Travel Authority”.

Se si richiede una NZeTA online non è necessario recarsi al consolato o allʼambasciata per far apporre il visto al passaporto. La NZeTA online una volta concessa viene collegata elettronicamente al passaporto.

Prima di presentare la richiesta di visto, verifica che tutti i requisiti siano soddisfatti, come ad esempio quello relativo alla durata massima del soggiorno, che è di 3 mesi.

Il visto ha una validità di 2 anni con ingressi illimitati e viene consegnato in 5 giorni lavorativi con la possibilità di richiedere un servizio di consegna urgente. In totale, nellʼarco di 12 mesi, si possono trascorrere fino a 6 mesi in Nuova Zelanda.

Per quali finalità di viaggio è adatto il visto richiedibile online?

  • Turismo (comprese vacanze e visite a familiari e/o amici)
  • Viaggi dʼaffari (inclusi conferenze, corsi di formazione e altre riunioni)
  • Domande di lavoro (retribuito o non retribuito) in Nuova Zelanda
  • Partecipazione ad attività sportive dilettantistiche non retribuite

Costo visto Nuova Zelanda

Il costo del visto per la Nuova Zelanda è costituito dal costo della richiesta, dalle spese consolari e dalla tassa sul turismo. Questa tassa sul turismo è chiamata ufficialmente “International Visitor Conservation and Tourism Levy” (IVL) ed è interamente inclusa nel costo totale del visto di 49,95 euro a persona.

Le spese consolari vengono destinate al Dipartimento per lʼImmigrazione della Nuova Zelanda, responsabile di garantire che ogni richiesta di visto sia valutata attentamente.

La tassa sul turismo, ufficialmente “International Visitor Conservation and Tourism Levy” (IVL), va a pieno beneficio dei progetti sostenibili legati al turismo in Nuova Zelanda. Un esempio di questi progetti è il piano di salvataggio del kākāpō, una specie di pappagallo quasi estinta. Oltre ai neozelandesi, anche i turisti desiderano poter continuare ad ammirare questa particolare specie animale e i responsabili di questo progetto si stanno impegnando a fondo per raggiungere questo obiettivo.

Sicurezza

Il Coronavirus si è diffuso anche in Nuova Zelanda, ma la Nuova Zelanda ha messo in atto varie politiche per mantenere il Coronavirus sotto controllo.

Sul sito viaggiaresicuri.it del Governo italiano è possibile reperire tutte le informazioni utili che riguardano il viaggio in nuova Zelanda e le richieste per l’ingresso nel Paese in materia di profilassi Covid.

Richiedere il visto Nuova Zelanda (NZeTA) per l’ingresso è comunque possibile nonostante le attuali misure relative al coronavirus. E’ notizia di questi giorni che la premier neozelandese Jacinta Arden abbia dichiarato che il Paese riaprirà gradualmente i confini con tappe che andranno verosimilmente all’apertura totale ad ottobre 2022.

Dal 27 febbraio i neozelandesi possono viaggiare senza quarantena dall’Australia. Il 13 marzo porte aperte ai neozelandesi che arrivano da altre parti del mondo più alcuni lavoratori qualificati vaccinati e backpackers, tutti senza quarantena. Il 12 aprile potranno entrare fino a 5mila studenti internazionali.

Un motivo in più per iniziare a pianificare un viaggio con largo anticipo, sicuro e con un visto NzeTA e fantasticare di raggiungere i paesaggi incantati della Nuova Zelanda.

Ultime notizie

Pannelli di rivestimento facciate degli ospedali: l’Asl Toscana nord ovest è in attesa dell’esito degli approfondimenti tecnici

L’Azienda Usl Toscana nord ovest ha richiesto al concessionario SAT di effettuare le verifiche richieste sulla “presenza di prodotti installati sulle facciate delle strutture...

Il Centro Intercomunale di Protezione Civile è realtà: la Regione assegna 400mila euro all’Unione di Comuni Montana Lunigiana

A darne notizia il sindaco di Tresana a assessore alla Protezione Civile dell’Unione di Comuni Matteo Mastrini che così commenta: "Dopo la Green Community,...

I sindaci di Zeri e Podenzana: “No alla riduzione delle guardie mediche”

Riceviamo e pubblichiamo una nota congiunta dei sindaci di Zeri e Podenzana: Si sente da tempo preannunciare la riduzione della presenza delle figure di continuità...
it_ITItalian