lunedì, 2 Ottobre, 2023

Comune di Podenzana “Alla pulizia delle strade penseremo da soli”

Il sindaco di Podenzana sceglie di non delegare più alla Provincia la pulizia e le opere contro il dissesto idrogeologico e dichiara che il suo comune farà tutto da solo in futuro fino a quando il capoluogo provinciale non sarà pronto a garantire una manutenzione degna di tale nome.

“La lotta contro il dissesto idrogeologico è da sempre una delle nostre missioni. Abbiamo fatto studi e ricognizioni propedeutiche ed utili alla progettazione e realizzazione di importanti opere di consolidamento di versanti e Regimazione delle acque – spiega il sindaco Marco Pinelli -, insieme ad un articolato programma di manutenzioni ordinarie di pulizia delle  infrastrutture di raccolta e di scolo delle acque piovane sulle strade Comunali, che hanno richiesto impegno, pazienza e sacrificio”.

“Pensiamo alle recenti ed imponenti opere lungo il Versante di Posticcio, Ceresedo, Cuncia ed Oliveto sul territorio di Podenzana Capoluogo e di Taria, Casa Manó e Sant’Andrea sul territorio di Montedivalli. Opere, alcune delle quali, eseguite per opera e con Risorse reperite dall’amministrazione Comunale su Strade Provinciali”. 

“Le stesse strade Provinciali sulle quali si è consumato, negli ultimi mesi, un abbandono ed un inadeguato e tardivo intervento, accentuato e reso evidente dalle abbondanti piogge di Lunedì, per noi inaccettabile”.

“È per questo che alla Provincia abbiamo chiesto un incontro, a settembre – evidenzia il sindaco -, per comunicare che (in assenza di altre soluzioni), costi quel che costi, a casa propria il Comune di Podenzana ci penserà da sé, dall’anno prossimo fino a quando la Provincia (vuoi per l’attesa Riforma, vuoi per assegnazione di nuove risorse o per integrazione dell’organico), non sarà nelle condizioni di garantirci una manutenzione dignitosa”.

“È una situazione insopportabile, inaccettabile e dannosa per il Comune di Podenzana, frequentato da migliaia di persone nel mese di agosto – sostiene Pinelli -, ma soprattutto per la fragilità del territorio, per l’impegno dell’amministrazione nella sua difesa e per rispetto di coloro che, quotidianamente, il territorio lo vivono!”.

Diego Remaggi
Diego Remaggihttp://diegoremaggi.me
Direttore e fondatore de l'Eco della Lunigiana. Scrivo di Geopolitica su Medium, Stati Generali e Substack.

News feed

Il circolo Arci Agogo di Aulla dà avvio al nuovo anno associativo 2023-2024

Arci Agogo Aulla si appresta ad inaugurare un nuovo anno associativo. Il circolo Arci, attualmente ospitato dal Comune di Aulla presso il piano terra...

La Provincia vende immobili per circa 3 milioni 300 mila euro

Sono 15 i beni immobili inseriti nel piano delle alienazioni che la Provincia di Massa-Carrara, attraverso un avviso di asta pubblica del Settore Edilizia...

Una delegazione dall’Uruguay alla scoperta di Pontremoli

Dall’Uruguay a Pontremoli alla scoperta delle proprie origini. Era una delegazione composta da circa venticinque persone quella arrivata nella mattinata di giovedì 28 settembre...

Politica monetaria, le banche centrali si dividono

La Fed ha deciso di fermare la crescita dei tassi. J. Powell ha affermato che potrebbero essere necessari altri aumenti e che i tassi...

Il campionato UISP di rugby inizia e ci sarà anche Lunigiana Farafulla

Con la definizione dei gironi e l’emanazione del calendario prende vita il campionato nazionale di rugby UISP 2023-24, al quale parteciperà la formazione del...