giovedì 23 Maggio 2024

Borse, navigazione tranquilla in attesa del sell in May

I mercati non ne vogliono sapere di scendere. Alla fine della scorsa settimana, le Borse hanno chiuso in guadagno, recuperando quello che avevano lasciato per strada in precedenza e confermando un andamento all’insegna del trading range al rialzo. Mentre tutti i target rivisti sono stati mediamente raggiunti.

Piazza Affari detta (ancora) la linea

Maglia rosa europea è stata, ancora una volta, Piazza Affari, trainata dai titoli finanziari. Il fenomeno, a cui ultimamente abbiamo fatto l’abitudine, dipende dalle aspettative ridotte sui tagli dei tassi, che favoriscono le azioni bancarie massicciamente presenti nell’indice milanese.

Ci si chiede ora se il mese di maggio sarà improntato alle vendite, come molto spesso accade. Difficile fare previsioni, anche perché gli utili brillano e le valutazioni non sono care. In un simile contesto, la tradizione del sell in May potrebbe anche non essere rispettata (il condizionale è d’obbligo).

Finora, in ogni caso, le azioni sono ancora più convenienti delle obbligazioni che, soprattutto a livello internazionale, stanno offrendo rendimenti mediocri.

Strategia di transizione

In uno scenario di così difficile interpretazione, l’approccio all’azionario non cambia. In questo periodo di transizione non sembra conveniente acquistare i titoli finanziari, che potrebbero essere abbastanza vicini al picco; chi li ha potrebbe però mantenerli, scommettendo magari su nuovi balzi fino al definitivo avvio del taglio dei tassi.

Chi vuole acquistare, potrebbe puntare qualche fiche sugli energetici, che attualmente hanno valutazioni più basse del loro valore ma offrono un buon flusso di dividendi, e forse sull’automotive.

Per il resto, meglio una strategia di mantenimento o alleggerimento moderato.

Verso le elezioni europee

A proposito di auto, sembra che la transizione energetica e l’agenda “verde” – che insieme all’intelligenza artificiale sono tra i temi centrali del G7 italiano – stiano rallentando. Perché ciò che ispira questa operazione è senza dubbio un obiettivo nobile, ma la sua applicazione è difficile: le tempistiche reali sono più lunghe di quanto si dice e i progetti realizzativi hanno bisogno di molti investimenti. Mentre gli Stati membri di soldi non ne hanno, soprattutto in un periodo di crisi come quello attuale, che ha intaccato persino la proverbiale solidità dell’economia tedesca.

Anche per questo motivo, l’attuale ritmo imposto alla transizione energetica non potrà che rallentare, anche nel caso in cui Ursula von der Leyen in Europa e Joe Biden negli Stati Uniti fossero confermati dal voto popolare.

Se poi dalle scadenze elettorali uscissero una nuova leadership a Palazzo Berlaymont e il ritorno di Donald Trump alla Casa Bianca, l’elettrico subirebbe un ulteriore calo di ritmo sulle due sponde dell’Atlantico.

Unione del mercato dei capitali: la ricetta Lagarde

Messo in stand by (per ora) l’argomento tassi, con la mezza promessa di iniziare la discesa a giugno, Christine Lagarde parla d’altro. Più precisamente di un suo vecchio pallino: l’unione del mercato dei capitali, obiettivo per cui ha invocato un cambio di marcia. E di prospettiva. Più nel dettaglio, la presidente Bce ha affermato che per raggiungere l’intento occorre abbandonare l’approccio “dal basso”per passare a quello “dall’alto”.

Finora, ha affermato Christine Lagarde, si è puntato sui mercati locali e regionali per lasciarsi dietro le spalle le limitazioni tipiche dei contesti nazionali. Ma questa politica “dal basso” ha lasciato settori scoperti a macchia di leopardo e non ha creato l’armonizzazione necessaria nei comparti decisivi – come per esempio la classificazione dei crediti o l’avvio delle procedure di insolvenza, per cui manca una normativa comune.

La ricetta Lagarde non è, però, del tutto convincente. Perché spesso gli interventi “dall’alto” hanno dimostrato di non funzionare. Oggi ci troviamo di fronte un’Europa di burocrati – in parte non eletti – che decidono le regole proprio in modalità top down, con un processo di accentramento dei poteri a Bruxelles su cui gli organi democratici degli Stati membri hanno poco da dire.

Quanto al mercato unico dei capitali, è fondato il timore è che vada a convogliare il risparmio dei Paesi membri su arene internazionali.

Acquisizione Ita, Lufthansa prova a sbloccare il dossier

Nuovo capitolo nel percorso di acquisizione di Ita Airways da parte di Lufthansa, messo in pausa dalle richieste dell’Antitrust europea. A quanto rivelato dal Corriere della Sera, che si riferisce a fonti Ue, per sbloccare il dossier e ricevere l’agognato via libera dall’autorità di vigilanza la compagnia di bandiera tedesca si dice disposta a cedere 11 coppie di slot da Milano Linate. Una mossa che verrebbe incontro a una delle tre richieste da parte dell’Antitrust europea, che ha puntato il faro proprio sul city airport milanese (oltre che sui voli brevi e su quelli intercontinentali – operazione, quest’ultima, che coinvolgerebbe anche United Airlines e altri partner di Star Alliance).

Evidentemente, Lufthansa e Ita Airways ritengono che la rinuncia ai 22 voli dall’aeroporto Forlanini possa rappresentare un buon compromesso per trovare un punto di incontro con l’authority. E decisamente sembra davvero esserlo. Dopo l’avvio della linea metropolitana 4, che ora lo collega in pochi minuti al centro di Milano, Linate è diventato l’aeroporto più gettonato d’Europa, proprio per la vicinanza alla città. Per questo motivo, la proposta è un grande sacrificio accettato dalle due compagnie di bandiera pur di riavviare il percorso verso l’aggregazione ed evitare la bocciatura del progetto.

Il match tra la compagnia tedesca e l’Antitrust europeo dà comunque l’impressione di doversi concludere senza vincitori. Il piano di fusione non può essere fermato: per questo motivo, le due parti finiranno di trovare un compromesso.

Se ne saprà di più il prossimo 13 giugno, data in cui è stata rinviata la decisione delle autorità europee, curiosamente poco dopo la scadenza elettorale.

Foto di Vika Chartier su Unsplash

Carlo Vedani
Carlo Vedanihttps://alicantocapital.com/
Collaboratore. Amministratore delegato di Alicanto Capital
Verified by MonsterInsights