domenica 27 Novembre 2022

Ferri scrive a Casani: "Serve un piano specifico per monitorare la Lunigiana"

L’onorevole lunigianese Cosimo Maria Ferri ha scritto una lettera indirizzata a Maria Letizia Casani, direttore generale dell’ASL Toscana Nord Ovest
“Egregia dott.ssa Maria Letizia Casani, desidero innanzitutto, suo tramite, ringraziare i medici, gli infermieri, i tecnici, tutti gli operatori sanitari e socio sanitari, per il lavoro incessante, professionale, umano che stanno facendo per la salute di tutti.
Mi permetto anche di svolgere alcune riflessioni sulla situazione lunigianese e di avanzare alcune proposte, prendendo spunto, purtroppo, dalla notizia dell’ennesimo decesso avvenuto questa notte presso una RSA.
I dati della Lunigiana (morti e contagiati) continuano ad essere allarmanti. Ci vuole un piano specifico per monitorare questo territorio: tamponi e test immunologici vanno fatti subito e non annunciati solamente. Sono fondamentali per mappare il cammino del virus: i sintomatici anche lievi, i loro congiunti, gli operatori sanitari, sono le categorie da cui partire immediatamente. Inoltre vanno monitorati attraverso i tamponi anche i luoghi più esposti come le RSA dove si sono verificati focolai.
Proprio in queste strutture si sono verificati alcuni decessi; è stata segnalata in più occasioni la gravità della situazione e la necessità di separare i contagiati, di mettere in sicurezza gli operatori e famigliari, per evitare conseguenze ulteriori. La Lunigiana chiede più attenzione.
Resta un vulnus, in tal senso, l’aver tenuti inattivi fino ad ora i laboratori analisi degli ospedali della provincia ed anche quelli privati convenzionati. Il contagio frena se siamo in grado di sapere presto (per isolarli e/o curarli) chi siano i suoi vettori. L’annunciata apertura del laboratorio del Noa è una prima risposta, anche se tardiva rispetto alle richieste di Sindaci, ma può non essere sufficiente.
Occorre poi dare continuità all’approvvigionamento del materiale sanitario, ancora oggi improvvisato e carente. Le mascherine ed i dispositivi di sicurezza non possono mancare, soprattutto agli operatori sanitari, ma neppure ai cittadini.
Vanno altresì migliorati i protocolli organizzativi, rendendo più funzionali i presidi di Pontremoli e Fivizzano rispetto alle esigenze di ricovero dei malati no-covid, ma anche rispetto alla presa in consegna temporanea nei PS di pazienti urgenti, qualunque patologia lamentino. Bisogna evitare inutili e pericolosi rimpalli da una struttura all’altra e tener conto dei fattori tempo-distanza nel decidere dove prestare il primo soccorso. In questi giorni sembra non succedere, con conseguenze a volte drammatiche.
Insomma, bisogna cambiare passo ed il tempo per farlo è scaduto, ce lo dicono i numeri tremendi di chi si ammala e di chi ci lascia ogni giorno: troppo alti! Uniti ce la possiamo fare!
Ringraziandola per l’attenzione confido in una risposta fattiva che possa trasmettere fiducia ai Lunigianesi e a questa terra che, anche per la sua posizione geografica, ha bisogno di risposte diverse”.

Ultime notizie

Processo per il crollo del ponte di Albiano Magra: CNA sarà parte civile

La CNA di Massa-Carrara, unitamente alle imprese, esprime soddisfazione la decisione del Giudice Dott. Dario Berrino, per avere ammesso la sua istanza presentata dall’...

“Spezia, tre anni in paradiso” la presentazione del nuovo libro di Ferrari e Napoletano

Lunedì 28 novembre alle ore 18 al Cinema Il Nuovo (Via Colombo 99, La Spezia) verrà presentato il libro “Spezia tre anni in paradiso”...

Al Teatro degli Animosi di Carrara arrivano  Sabina Guzzanti e Giorgio Tirabassi

Dopo il grande successo del primo spettacolo inaugurale, la stagione di prosa al teatro degli Animosi di Carrara prosegue venerdì 2 e sabato 3...
it_ITItalian