Mastrini sull’emergenza ungulati: “Si investa quanto versato dai cacciatori per i permessi, in azioni a tutela del territorio e degli agricoltori”

Il Sindaco di Tresana e Assessore alla Protezione civile dell’Università dei Comuni torna sull’argomento ungulati con alcune proposte:”Di fronte alla devastazione del raccolto e al rischio che alcune aziende agricole chiudano, non si può francamente sempre fingere che non ci siano responsabilità”.

Giovedì 16 settembre è prevista una videoconferenza fra i Sindaci e Stefania Saccardi:”L’incontro previsto per giovedì con l’Asessore regionale alla Caccia e all’Agricoltura è ormai praticamente inutile: a breve riapre la caccia e i danni ormai sono stati fatti. C’è evidentemente un problema di gestione del territorio, che richiede probabilmente la revisione della stessa legge regionale e delle competenze”.

Mastrini è scettico anche sull’efficacia delle più recenti misure attivate dalla regione:”Se qualcuno pensava di risolvere il problema concedendo agli agricoltori di cacciare gli ungulati, beh, evidentemente lo ha sottovalutato.Io penso che quanto i cacciatori pagano all’anno, circa 400 euro, debba essere investito a tutela di chi lavora e anche di chi coltiva per l’autosussistenza”.

A Tresana da alcune settimane sono in corso anche le battute straordinarie:”Ringrazio in ogni caso le squadre di caccia che si stanno adoperando per fare il possibile”.

Total
4
Condividi
Lascia un commento
Total
4
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: