mercoledì 28 Settembre 2022

La Lunigiana e la Riviera spezzina a Piacenza nella mostra fotografica dedicata allo scultore Erminio Tansini

La Lunigiana e la Riviera spezzina sono rappresentate nella mostra fotografica che fino al 29 giugno è allestita presso Palazzo San Pietro a Piacenza, dedicata all’attività dello scultore Erminio Tansini.
Da circa un trentennio Tansini ha impostato la propria ricerca artistica sull’informalismo. Le sue statue (prodotte in bronzo o in legno) sviluppano il tema della pareidolia: formano intrecci, sagome e masse apparentemente casuali (in realtà, accuratamente studiate) in cui appaiono profili riconoscibili e cangianti secondo il punto di vista dell’osservatore.
Concrete illusioni focalizza l’attenzione sulle opere che Erminio Tansini compone utilizzando ramiceppitronchi e radici.
Gran parte del materiale ligneo impiegato dallo scultore proviene dall’Appennino ligure e tosco-emiliano: perlopiù dal litorale spezzino e dalla Valtaro, con pezzi significativi tratti anche dalla valle della Magra.
Non è legno ricavato dall’abbattimento di alberi vivi, bensì quello trascinato dalle frane, trasportato dalle correnti, levigato dall’acqua e dalle rocce.
L’artista lo seleziona sui greti dei torrenti e sulle spiagge marine; poi, lo rigenera, conservando il più possibile l’inimitabile naturalità che lo contraddistingue.
Erminio Tansini ha iniziato a produrre questo tipo di sculture lignee all’inizio degli Anni ’90; tuttavia, il loro debutto espositivo è avvenuto solo nel 2017, con la partecipazione dell’autore alla 57a Biennale di Venezia.
Fra Toscana e in Liguria Tansini ha tenuto varie mostre personali: per esempio, a Levanto, Monterosso al Mare, Porto Venere, Rapallo, Santa Margherita Ligure, Vernazza, oltre che a Firenze e a Cecina.
Il tema della rigenerazione è presente anche nei luoghi delle immagini esposte nella mostra di Piacenza, tutte riprese sui set fotografici di “Forme sfuggenti“.
Questa rassegna itinerante colloca le sculture lignee di Erminio Tansini in posti come castellicorsi e specchi d’acquapaesaggi rupestri e siti archeologici.
In armonia con il carattere scarno ed essenziale delle statue, questi luoghi sono poco utilizzabili per manifestazioni culturali ed espositive di tipo tradizionale: “Forme sfuggenti” li recupera allo spazio artistico.
Dal 2018 la serie sta facendo tappa in ItaliaSvizzera e Francia. Set fotografici sono stati allestiti anche a Massa, Monterosso al Mare e Pontremoli (scenari presenti fra gli scatti della mostra), oltre che a Berceto, Filattiera, La Spezia, Levanto e Porto Venere. Nelle prossime settimane la rassegna toccherà Carrara e Lerici.
Concrete illusioni è il terzo appuntamento della serie itinerante di esposizioni intitolata “Chimere“.
La mostra è curata da Davide Tansini: figlio dell’artista, e direttore di “Forme sfuggenti”.
Leggi anche:
http://ecodellalunigiana.it/2019/06/03/dalle-ombre-agli-sguardi-i-lavori-dei-ragazzi-della-scuola-primaria-g-marconi/

Ultime notizie

Turista tedesco disperso nei pressi del pontile di Massa

Sono proseguite per tutta la giornata le ricerche del giovane turista tedesco che, intorno alle 05.00 del mattino di ieri, si era tuffato nello...

Carrara: patteggia 18 mesi dopo aver derubato due distributori automatici

Ha patteggiato una condanna a diciotto mesi di reclusione un pregiudicato cittadino italiano che sabato notte ha ripulito i distributori automatici di generi alimentari...

Soccorso Alpino: intervento sul Lagastrello e decalogo per la sicurezza a funghi

Il Soccorso Alpino e Speleologico della Toscana è intervenuto lunedì sera nella zona del Passo del Lagastrello - in zona Comano, proprio dove nei...
it_ITItalian