sabato, Luglio 2, 2022
spot_img
HomeLa SpeziaLa Spezia, tentano il...

La Spezia, tentano il furto con la tecnica dell’abbraccio due persone denunciate e segnalate al Tribunale dei Minori

Nella tarda mattinata di ieri, nel centro della Spezia, non distante dal parco della Maggiolina, un pensionato 81enne che si stava recando verso un’edicola è stato avvicinato da una station wagon scura, il cui conducente gli ha garbatamente chiesto alcune informazioni e che ora fosse. Un espediente, quello, proprio per accertare se al polso l’anziano portasse un orologio di valore, in questo caso un Rolex.

Percorsi pochi metri, l’uomo è stato avvicinato da una donna, evidentemente una complice, che a sua volta, con scuse e altri pretesti, presentandosi quale badante in cerca di lavoro, ha tentato più volte e insistentemente di abbracciarlo nel tentativo di sfilargli il Rolex. Tentativi che l’anziano è riuscito ad arginare respingendola e costringendola così ad allontanarsi.

Realizzato di essere stato vittima di un tentativo di furto con la tecnica dell’abbraccio, l’uomo ha immediatamente segnalato l’episodio tramite il 112 alla compagnia dei carabinieri della Spezia, che ha subito inviato una pattuglia sul posto.

Raccolte le prime indicazioni fornite dall’uomo, dopo essersi sincerati che non avesse subito lesioni, i militari sono riusciti poco dopo ad intercettare la vettura segnalata, che non aveva ancora lasciato la zona.

A bordo è stato fermato e identificato un 23enne, cittadino rumeno, residente in un campo nomadi in Lombardia, che sul sedile posteriore trasportava il figlioletto di 2 anni. Della donna, invece, nessuna traccia: si era allontanata probabilmente accortasi della presenza dei militari.

Sulla vettura, perquisita in caserma, è stata rinvenuto un taglierino, di cui il giovane, risultato gravato da precedenti penali, non è stato in grado di giustificare la presenza.

I carabinieri hanno immediatamente avviato indagini e sono così riusciti a risalire all’identità della donna, identificata come la compagna del giovane fermato e madre del bimbo, a sua volta colpita da numerosi precedenti per reati contro il patrimonio proprio con la tecnica dell’abbraccio a danno di anziani, consumati perlopiù nelle regioni del nord Italia negli ultimi anni.

Ulteriori indagini sono in corso per verificare se la coppia possa essere responsabile di altri reati in zona con la stessa tecnica.

Sulla base di quanto raccolto i due sono stati denunciati in stato di libertà, per tentato furto aggravato in concorso tra loro. I due saranno segnalati anche al Tribunale per i Minorenni per attivare idonei strumenti a tutela del bimbo dai rischi cui può essere esposto nel trovarsi al seguito di genitori impegnati a commettere reati.

Per prevenire che i due possano commettere ulteriori reati in zona, inoltre, è stata richiesta al Questore l’emissione di un provvedimento di foglio di via al fine di evitare che possano ritornare nei comuni di questa provincia.

Ultime notizie

Bilancio della SdS: sindaci di centrodestra votano contro: “Chiediamo rinnovo delle cariche”

Jacopo Ferri, Riccardo Ballerini, Renzo Martelloni, Matteo Mastrini e Filippo Bellesi hanno bocciato il bilancio della Società della Salute della Lunigiana.I sindaci di Pontremoli,...

La Spezia: 20enne arrestato per tentato furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale

Nel pomeriggio di giovedì 30 giugno la Sala Operativa della Questura di La Spezia ha inviato un equipaggio in moto in via Capraia dove...

Società della Salute della Lunigiana: approvato il bilancio di esercizio 2021

Con il voto contrario dei sindaci di Casola, Pontremoli, Tresana e Villafranca, e con l’astensione del sindaco di Licciana Nardi, l’Assemblea dei soci della...

pubblicità

it_ITItalian