lunedì, 2 Ottobre, 2023

Rubò un’auto ad Aulla, fermato alla stazione di Spezia

Nel pomeriggio di sabato 2 settembre, gli operatori della Squadra Mobile della Questura della Spezia hanno tratto in arresto un cittadino albanese classe 1988, già gravato da precedenti giudiziari, nel corso di uno specifico servizio finalizzato al contrasto dei furti in appartamento.

Le indagini avviate dalla Polizia di Stato hanno fatto emergere la presenza in città di un’autovettura sospetta che risultava essere stata rubata con le relative chiavi ad Aulla (MS) e individuata sabato pomeriggio nei pressi della stazione ferroviaria spezzina, vicino ad una struttura ricettiva.

Nel corso dell’appostamento, gli agenti della Squadra Mobile hanno notato un cittadino albanese, conosciuto per i suoi precedenti, che una volta salito a bordo del mezzo rubato, si poneva al posto di guida e lo avviava con le relative chiavi.

Immediatamente fermato ed identificato, a seguito di perquisizione, l’uomo aveva con sé diversi arnesi atti allo scasso dei quali non era in grado di dare contezza, nonché di due documenti di identificazione falsi, riportanti la sua effigie e generalità di fantasia: una patente ed una carta d’identità elettronica rumene. 

Tra gli arnesi atti allo scasso sono stati rinvenuti un grosso piede di porco, un flessibile, diverse paia di guanti, cacciaviti di varie dimensioni, nonché torce e luci a batteria.

Gli ulteriori accertamenti eseguiti hanno permesso di riscontrare che l’uomo risultava essere già stato espulso dal Territorio Nazionale, in esecuzione di provvedimento emesso dal Giudice in sostituzione di pena detentiva, ed essere rientrato illegalmente in Italia, verosimilmente utilizzando i documenti falsi sequestrati. 

L’uomo è stato tratto in arresto per possesso di documenti contraffatti e violazione dell’ordine di espulsione già eseguito, nonché denunciato per la ricettazione dell’auto rubata e per il possesso degli arnesi atti allo scasso.

Sono tuttora in corso accertamenti a cura della Squadra Mobile per verificare il suo eventuale coinvolgimento in alcuni furti consumati, negli ultimi giorni, in provincia.

La posizione del trentacinquenne arrestato, dopo il vaglio dei sostituti Procuratori della Repubblica Elisa Loris e Federica Mariucci, per una puntuale analisi delle condotte e responsabilità dell’indagato, è  stata rinviata al relativo giudizio di convalida.

Processato per direttissima, ne è stato convalidato l’arresto, disponendo nei confronti del trentacinquenne la custodia in carcere.

Diego Remaggi
Diego Remaggihttp://diegoremaggi.me
Direttore e fondatore de l'Eco della Lunigiana. Scrivo di Geopolitica su Medium, Stati Generali e Substack.

News feed

Turismo e sentieristica: a Licciana Nardi recuperato l’antico collegamento che va dal ponte romanico a Castel del Piano

Conclusi i lavori relativi al progetto di valorizzazione in termini di pubblica utilità delle aree boscate nel capoluogo e in area Parco Appennino Tosco-Emiliano...

Terza categoria, i risultati della coppa provinciale

La seconda giornata di qualificazioni della coppa Provinciale ha visto l’esordio delle quattro squadre ferme per il riposo, tre successi interni ed uno in...

Il circolo Arci Agogo di Aulla dà avvio al nuovo anno associativo 2023-2024

Arci Agogo Aulla si appresta ad inaugurare un nuovo anno associativo. Il circolo Arci, attualmente ospitato dal Comune di Aulla presso il piano terra...

La Provincia vende immobili per circa 3 milioni 300 mila euro

Sono 15 i beni immobili inseriti nel piano delle alienazioni che la Provincia di Massa-Carrara, attraverso un avviso di asta pubblica del Settore Edilizia...

Una delegazione dall’Uruguay alla scoperta di Pontremoli

Dall’Uruguay a Pontremoli alla scoperta delle proprie origini. Era una delegazione composta da circa venticinque persone quella arrivata nella mattinata di giovedì 28 settembre...