8 Febbraio 2023

Fondazione Don Gnocchi, dopo un tavolo in provincia si apre la possibilità di dialogo sul contratto

Ieri mattina si è tenuto dopo una convocazione urgente il tavolo presso la provincia di Massa Carrara sulla questione sollevata nei giorni scorsi dai dipendenti della Fondazione Don Gnocchi in merito ai contratti di lavoro.
Erano presenti il presidente della provincia di Massa Carrara Gianni Lorenzetti, il sindaco di Massa Francesco Persiani, il sindaco di Fivizzano Gianluigi Giannetti, il direttore della Fondazione Don Gnocchi Fabio Carlotti e Catia Ciappi, responsabile del presidio Centro 1, che comprende le strutture di Marina di Massa, Fivizzano, La Spezia, Firenze e Colle Val D’Elsa. Il sindaco di Carrara, impossibilitato a presenziare è stato aggiornato telefonicamente.
A seguito delle rimostranze dei lavoratori dei due centri apuani, le istituzioni hanno ritenuto urgente ed indispensabile avere chiarimenti ed un quadro preciso da parte della Fondazione Don Gnocchi. I rappresentanti della Fondazione hanno dato rassicurazioni sul mantenimento delle risorse occupazionali e hanno confermato che sui due presidi di Massa e Fivizzano, considerati strategici, verranno effettuati investimenti, nel corso dei prossimi anni, volti alla crescita dei servizi, quali ad esempio la realizzazione di mini appartamenti per i famigliari di utenti con disabilità.
Hanno aggiunto inoltre che Fondazione Don Gnocchi sta ultimando un piano avviato nel 2013 per contenere le conseguenze della crisi economica e, pur avendo mantenuto servizi di qualità, welfare e inalterati i livelli occupazionali, anzi procedendo a nuove assunzioni, e ora sta concludendo il percorso con una revisione del profilo contrattuale di lavoro andando a valorizzare le attività riabilitative, socio-sanitaria e socio-educativa prevalentemente svolte dalle strutture e ponendo le basi per il definitivo risanamento di Fondazione senza alcun declassamento della struttura e dei servizi. Un’armonizzazione tra il contratto in essere e quello proposto da Fondazione con possibilità di progressioni, riconoscimento di superminimi e premi produttività per i dipendenti a fronte di due ore settimanali in più di lavoro.
Le istituzioni locali sono volute entrare nel merito della vicenda fin da subito proprio per farsi portatori di un confronto con Fondazione e di un dialogo con le parti coinvolte. Da parte di Fondazione Don Gnocchi c’è stata l’apertura verso un tavolo di concertazione relativamente al contratto collettivo di secondo livello per Massa e Fivizzano.
Sulla vicenda è intervenuto anche il segretario Uil Fpl, Claudio Salvadori, che ha incontrato il presidente Lorenzetti. “Il presidente si è reso disponibile a farsi portavoce con la direzione per risolvere la situazione e aiutare i lavoratori ad avere risposte chiare nel minor tempo possibile – ha affermato Salvatori – Lo ringraziamo per essersi dimostrato subito attento ai problemi dei dipendenti di queste due strutture che rappresentano un’eccellenza per il nostro territorio che non possiamo assolutamente disperdere. Ricordiamo infatti che il nuovo contratto che la Don Gnocchi vuole applicare a livello nazionale dal primo gennaio è Aris per Rsa Cdr andando di fatto a considerare i centri specialistici di Marina di Massa e Fivizzano a indirizzo prevalentemente socio sanitario e non come poli specialistici riabilitativi operanti nell’ambito sanitario e riconosciuti come tali da Usl e Regione. Siamo fiduciosi perché a livello nazionale si è aperto uno spiraglio per rivalutare l’indirizzo di alcune strutture fra le quali quelle apuane. Le istituzioni locali e le parti in causa devono condividere un percorso serio e costruttivo in tal senso come sta facendo il presidente della provincia che si è già attivato per darci una mano a tutelare l’eccellenza apuana della Don Gnocchi”.

Leggi anche:
http://ecodellalunigiana.it/2019/12/09/fivizano-mobilitazione-dipendenti-fondazione-don-gnocchi-foto/

Ultime notizie

Tratta Pontremoli-Firenze, treni ripristinati dal 20 febbraio

Importante risultato per i trasporti dal cuore della regione verso la Lunigiana. Racconta come è andata Annalisa Folloni, sindaca...