Licciana Nardi, le proposte dell’opposizione nel prossimo consiglio comunale

Nel prossimo Consiglio Comunale di Licciana Nardi che si terrà lunedì 12 verranno discusse diverse interrogazioni presentate dalla minoranza. “Abbiamo presentato una mozione elaborata dalla Conferenza delle Donne Democratiche della provincia di Massa Carrara a firma di Vallini Roberta e Chiappini Martini con il supporto del gruppo consigliare SiAmo Licciana. La mozione vuole impegnare il Sindaco e la Giunta a farsi promotori di un’iniziativa di sensibilizzazione sulla violenza sulle donne. Chiediamo che vengano coinvolte le farmacie e le attività commerciali per introdurre sugli scontrini la dicitura “Se sei vittima di stalking o violenza chiama il 1522”, a comunicarlo è Francesco Micheli a nome del gruppo SiAmo Licciana.

“Un’iniziativa che può fare la differenza nella sensibilizzazione verso i servizi messi a disposizione delle vittime di abusi per far emergere situazioni di emergenza e stalking. Difatti, chi è vittima di violenza può contattare il 1522: numero gratuito di pubblica utilità antiviolenza e stalking. Il numero è collegato alla rete dei Centri Antiviolenza e alle altre strutture per il contrasto alla violenza di genere presenti sul territorio”.

“Sono state presentate anche tre interrogazioni. Nella prima verrà richiesto al Sindaco di fare luce sui fatti avvenuti nelle scuole di Terrarossa a seguito di un caso di contagio nel corpo docente. Il caso di covid-19 ha portato a un periodo di quarantena per le classi che sono venute a contatto con l’insegnante e a un primo giro di tamponi. Tuttavia, al rientro delle classi presso la scuola agli alunni sono state nuovamente sospese le lezioni per le classi ed è stata richiesta la ripetizione dei tamponi. In tutto questo molte persone hanno manifestato una mancanza di comunicazione da parte delle Autorità di Pubblico Igiene, tra le quali compare il Sindaco. Per questo abbiamo presentato un’interrogazione per capire le mancanze, soprattutto comunicative, tra il Sindaco e la popolazione”.

“La seconda richiede di dare spiegazioni sulla situazione della centrale e spiegare come mai dopo un investimento di più di 150 mila euro risulta essere ad oggi ferma. La terza interrogazione chiede al Sindaco di spiegare come intende pagare le spese processuali per la causa persa contro la CGIL”.

“Speriamo che la discussione sia ampia – conclude Micheli – e non lasci dubbi alla popolazione durante il Consiglio Comunale”.

Total
2
Condividi
Lascia un commento
Articoli simili
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!