domenica 27 Novembre 2022

Pnrr: la Lunigiana tra le 35 Green Communities d’Italia

La Lunigiana è tra le 35 Green Communities finanziate dal Pnrr. Il progetto presentato dall’Unione dei Comuni in sinergia con l’Ufficio Unico di Piano dell’Unione, l’Università di Modena e Reggio Emilia, l’Università di Firenze, il Parco Nazionale e La Riserva di Biosfera Unesco del Parco dell’Appennino Tosco – Emiliano è stato ammesso a un finanziamento di 2.635.000 euro.

Non sono ancora giunte le prime dichiarazioni ufficiali, ma grande soddisfazione è stata espressa dal presidente del Parco Fausto Giovanelli che spiega come 3 dei progetti finanziati siano stati svolti in partenariato con l’ente che presiede.

Sono 35 le Green Communities che verranno finanziate con il Piano nazionale di Ripresa e Resilienza – scrive Uncem -Union Nazionale Comuni Comunità Enti Montani – Pubblicata oggi la graduatoria con i territori individuati, che si uniscono alle tre aree montane italiane già finanziate. È stato un lavoro importante quello che hanno fatto il Ministero e il Dipartimento per gli Affari regionali e le Autonomie. Uncem ringrazia Ermenegilda Siniscalchi, Capo Dipartimento, Giovanni Vetritto, Direttore Generale, Gianni Bocchieri alla guida del Nucleo Stato-Regioni sul PNRR, Francesco Tufarelli. E naturalmente la Ministra Maria Stella Gelmini, che con il PNRR ha dato seguito a quanto fatto negli ultimi anni, con gli Stati generali della Montagna da Erika Stefani, Francesco Boccia, Enrico Borghi.

Il percorso delle Green Communities era partito nel 2008 con Uncem a coordinare i progetti nazionali in cinque aree pilota montane, e nei Parchi nazionali, al sud. Poi l’inserimento in legge, la 221 del 2015. Ora l’azione forte sul PNRR, con 179 progetti candidati. 35 finanziati, più tre. Intenso il lavoro fatto dai territori e parallelamente dal Ministero insieme con Uncem, azione che prosegue nell’accompagnare i territori nell’attuazione dei progetti inseriti nelle ‘Strategie d’area”. Non c’è tempo da perdere. I fondi devono essere investiti bene e subito. Con traiettorie chiare e condivise dalle comunità. Il ruolo di animazione delle comunità è decisivo.

I temi, agricoltura, foreste, energia, turismo, acqua, rifiuti e tutte le filiere per stare nella transizione ecologica e nella ecologia integrale che ci delinea anche Papa Francesco, insieme con il Presidente Mattarella. I prossimi passi sono relativi alla attuazione della Strategia nei territori. Anche quelli non finanziati devono lavorare e proseguire il percorso. Perché chiediamo subito al nuovo Governo di individuare altre risorse sul PNRR e alle Regioni di investire ulteriori risorse a partire dai fondi regionali per le montagne e dal fondo nazionale, nel 2022 di 120 milioni di euro e nel 2023 di 200 milioni. Per noi questo non è un bando del PNRR come tanti altri. È quello centrale per le montagne che sono in dialogo con le aree urbane, per territori che dicono cosa vogliono essere, accrescendo servizi e opportunità di lavoro e di residenza, stando nel futuro, più green e più sostenibili, intelligenti e innovatori. Le Green Communities sono presente e futuro, speranza e fiducia”.

L’elenco dei progetti

https://uncem.it/wp-content/uploads/2022/09/GREEN-COMMUNITIES-progetti-.pdf

Ultime notizie

Processo per il crollo del ponte di Albiano Magra: CNA sarà parte civile

La CNA di Massa-Carrara, unitamente alle imprese, esprime soddisfazione la decisione del Giudice Dott. Dario Berrino, per avere ammesso la sua istanza presentata dall’...

“Spezia, tre anni in paradiso” la presentazione del nuovo libro di Ferrari e Napoletano

Lunedì 28 novembre alle ore 18 al Cinema Il Nuovo (Via Colombo 99, La Spezia) verrà presentato il libro “Spezia tre anni in paradiso”...

Al Teatro degli Animosi di Carrara arrivano  Sabina Guzzanti e Giorgio Tirabassi

Dopo il grande successo del primo spettacolo inaugurale, la stagione di prosa al teatro degli Animosi di Carrara prosegue venerdì 2 e sabato 3...
it_ITItalian