sabato 15 Giugno 2024

Il deputato Ferri sull'aggressione del clochard a Carrara, "un gesto vile che merita la più ferma condanna"

“Un’aggressione codarda e vigliacca che ha come bersaglio chi è più debole e indifeso”, commenta così Cosimo Maria Ferri, lo spiacevole accaduto di venerdì scorso nel centro di Carrara, dove un mendicante, affetto da disabilità, è stato steso a terra con un cacio alle spalle in mezzo a via Roma. Il tutto è avvenuto sotto gli occhi di diversi passanti e clienti di bar e negozi, fra i quali nessuno è intervenuto.
Un video postato sui social cattura integralmente la scena, in cui un uomo, senza ragioni apparenti, aggredisce il clochard con un forte calcio. L’aggressore, ora identificato, è un quarantaquattrenne residente in quella via di Carrara e padre di due bambine. Il video postato sui social ha destato l’attenzione nazionale e quella di una nota trasmissione televisiva, “Le Iene”, la cui troupe è arrivata a Carrara per intervistare Umberto, il clochard aggredito, e lo stesso aggressore, il quale ha subito espresso le sue scuse per il violento gesto e ha cercato di spiegarne la motivazione. A quanto dichiarato dall’aggressore, la figlia minore avrebbe espresso più volte il suo timore nei confronti di Umberto così l’uomo avrebbe intimato più volte il clochard di non sostare davanti al portone della sua residenza. Quel gesto, di cui ora si scusa, sarebbe stato, secondo quanto dichiarato dall’uomo, il degenero di una situazione che andava avanti da più di un anno. Il quarantaquattrenne dichiara anche di non aver saputo delle disabilità di Umberto.
Di fronte all’accaduto, il deputato Cosimo Maria Ferri esprime tutta la sua vicinanza alla vittima e la più ferma condanna contro questo gestovile, “Questi episodi” -dichiara- “meritano una risposta ferma da parte delle Istituzioni, ma anche dalla stessa cittadinanza. Il rispetto della legalità, delle persone e della sicurezza delle nostre città devono essere una priorità per l’Amministrazione che deve far sentire con forza la propria voce e dare risposte concrete. Non esistono cittadini di serie A e di serie B, peraltro in una Provincia in cui la solidarietà, l’accoglienza e il rispetto della diversità sono valori condivisi da tutti” conclude Ferri.

Articoli Simili

Verified by MonsterInsights