Fivizzano, solo manutenzioni alla Don Gnocchi, niente di più

Il Sindaco Giannetti Gianluigi risponde alle accuse mosse contro di lui da parte della Lega Fivizzano, in riferimento ad una presunta chiusura del polo riabilitativo Don Gnocchi.

Il Primo Cittadino precisa che la chiusura temporanea della struttura riabilitativa Don Gnocchi è prevista solo ed esclusivamente per lo svolgimento di lavori di manutenzione della struttura.
Sulla base della delibera dell’Azienda USL Toscana Nord Ovest n. 527 del 27 Maggio
2021, era stato deciso che, entro il mese di Giugno del corrente anno, terminasse l’attività
delle cure intermedie Covid alla Don Gnocchi di Fivizzano. In considerazione del fatto che tale
attività si è svolta in maniera ininterrotta dal 4 novembre 2020 si è evidenziata la necessità di provvedere ad una serie di interventi di manutenzione impiantistica da eseguirsi presso la struttura di Fivizzano, questi stessi interventi furono ritenuti differibili durante il periodo di emergenza pandemica, ma allo stato attuale e per quanto sopra esposto, affinché vengano eseguiti in maniera più accurata e in sicurezza, si è reputato opportuno procedere a struttura “chiusa” e non operativa.

Dall’Amministrazione comunale fanno sapere che gli interventi di manutenzione saranno seguiti da un intervento di sanificazione generale, approfondita e accurata dell’intera struttura, effettuata secondo protocolli ISS, finalizzati al ripristino degli standard ottimali igienico-sanitari.

Il Sindaco spiega che i dipendenti saranno tutti mantenuti in servizio, eventuali brevi spostamenti in strutture limitrofe saranno assolutamente brevi e temporanei.

Inoltre, Giannetti, evidenzia che nei mesi scorsi le parti coinvolte: dirigenza ASL, dirigenza Don Gnocchi e Amministrazione Comunale hanno avuto modo di confrontarsi su di una rimodulazione dell’offerta dell’attività della Fondazione Don Carlo Gnocchi. Tale necessità emerge dall’analisi della domanda che risulti più coerente con i bisogni espressi dall’Azienda USL Toscana Nord Ovest in relazione all’offerta per la copertura della popolazione assistita.

In particolare a seguito di un analisi dei bisogni sanitari–riabilitativi del territorio si è lavorato per la predisposizione di un progetto finalizzato alla riapertura delle attività a pieno regime, con tutte le garanzie di sicurezza e tutela per pazienti che utilizzeranno la struttura.

Il primo cittadino conclude rincarando la dose nei confronti della Lega di Fivizzano: “Certi spot vengono creati ad arte dalle opposizioni, anche in questo caso, senza aver minimamente chiesto informazioni al sottoscritto o a qualsiasi altro rappresentante dell’Amministrazione, tutto come sempre per sentito dire, a dimostrazione della scarsa serietà di questi gruppi politici che vivono di proclami senza costrutto”

Ultime notizie

Tutte le novità più importanti sul bonus benzina 200 euro, prorogato anche nel 2023

Dipendenti e collaboratori negli ultimi mesi stanno facendo i conti con il caro benzina, che incide in maniera importante...