2 Marzo 2024, sabato
9.5 C
Fivizzano

Festival della chitarra, dietro le quinte del concerto di Masini-Costantino

Ieri sera si è tenuto il tradizionale concerto del duo Masini-Costantino all’interno del Festival Internazionale della chitarra di Massa. I due musicisti Simona Costantino e Roberto Masini sono un’istituzione cittadina della chitarra classica, insegnano alla Scuola di Musica di Massa (che Roberto dirige) ed hanno sfornato numerosi chitarristi, divenuti a loro volta maestri di musica. Siamo andati dietro le quinte per vedere come si preparano ad un concerto, e abbiamo fatto loro qualche domanda.

Prima del concerto i due musicisti sono rilassati, non sembrano sentire la tensione. Unica preoccupazione: “verrà gente?”. Il festival della chitarra raccoglie generalmente una buona risposta da parte del pubblico, è una rassegna quasi ventennale che ha ospitato musicisti di tutto il mondo. Ma il timore di un musicista è sempre quello di non avere un pubblico con cui dialogare, per un buon concerto è indispensabile un buon pubblico.

In questo caso la preoccupazione è infondata, con qualche minuto di ritardo la sala si riempie completamente, anzi un po’ di persone rimangono in piedi a fondo sala. Il duo inizia dunque a suonare. Con l’eccezione di un paio di brani, il repertorio è dedicato a musica del ‘900: Castelnuovo-Tedesco, Marchelie, Gnattali, senza trascurare i classici della musica spagnola, culla di questo strumento. E’ proprio sulla musica di M.Gangi, eseguendo Andalusa, Fandango e Sevillana, che il duo Masini-Costantino raggiunge il punto più alto di concentrazione ed ispirazione, la sala si riempie del suono delle due chitarra, che sembrano un’orchestra intera.

Duo Masini Costantino 2019

A fine concerto il meritato bis, richiesto con veemenza dal pubblico. Roberto si concede qualche parola: “Suoneremo un pezzo di Piazzolla che il duo suona fin dagli esordi”. A fine concerto siamo dunque tornati dietro le quinte per sapere qualcosa di più sulla storia del duo.

D. Spesso chi si dedica intensamente all’insegnamento come voi trascura la carriera concertistica. Voi invece preparate ogni anno un nuovo programma di concerto, come fate a mantenere gli stimoli per questo impegno costante?

Simona Costantino: Il segreto è nello studio. Anche nei periodi in cui non avevamo alcun concerto da fare, abbiamo sempre continuato a studiare, sia individualmente che come duo. Lo studio è la nostra attività più importante.

D. Voi siete un duo musicale, un duo di insegnanti nella Scuola di Musica, ed anche una coppia nella vita. Come fate a coniugare la vita e il lavoro? Avete momenti di crisi? Come li superate?

Roberto Masini: l’importante è il rispetto dell’altro, anche accettando di avere punti di vista diversi. Quando suoniamo, ciascuno cerca di rispettare e non togliere spazio all’altro, di dialogare. Proprio come nella vita.

D. Sai che noi lunigianesi siamo un po’ pettegoli: voglio sapere se è venuto prima il duo o la coppia. Siete insieme da più tempo come coppia o come duo?

Roberto: prima la coppia, ma non di molto (Simona ride), ci siamo incontrati durante gli studi, ci siamo innamorati. Il duo è nato poco dopo.

Sperando di poter presto riascoltare questi validissimi ed affiatatissimi musicisti, intanto ricordiamo che il Festival Internazionale della chitarra prosegue lunedì 26 agosto con il concerto di Fabio Montomoli. Vi daremo altre informazioni su queste pagine.

News feed
Notizie simili