“Estate Tranquilla”: due ristoranti chiusi e una gelateria sanzionata, il bilancio dei Nas sul litorale

Immagine di repertorio

Intensificati i controlli agli esercizi pubblici da parte dei carabinieri del Nas di Livorno nella provincia di Massa Carrara, nell’ambito dell’operazione “Estate tranquilla”, disposta e coordinata dal comando dei carabinieri Tutela della Salute di Roma.
Due ristoranti, uno a Marina di Massa e uno a Marina di Carrara sono stati chiusi, con il supporto del personale della Asl, a causa delle precarie condizioni igienico sanitarie. Elevate contravvenzioni per 6.500 euro complessivi e sequestrati centinaia di chili di alimenti.

Nell’ambito dell’operazione “Estate Tranquilla”, disposta dal comando dei carabinieri per la Tutela della Salute che coordina le attività dei Nuclei Antisofisticazioni e Sanità sul territorio nazionale, con l’obiettivo di monitorare il rispetto delle normative igienico-sanitarie in attività di ristorazione e somministrazione di alimenti e bevande, particolarmente frequentate in estate anche alla luce dell’attenuazione delle misure di contenimento del contagio, i militari del Nas di Livorno hanno intensificato i controlli agli esercizi pubblici delle aree a maggiore vocazione turistica, comprese quelle della nostra provincia.  


Controlli sono in atto da giorni in alcune attività della costa nostrana. E i risultati non si sono fatti attendere, con tre locali sanzionati, due dei quali con sospensione delle attività, e circa 100 chili di alimenti sottoposti a vincolo cautelare.


A Marina di Massa, al titolare di una pizzeria è stato elevata una sanzione di 1.000 euro per aver detenuto prodotti alimentari congelati privi di tracciabilità, destinati alla somministrazione ai clienti. Circa 50 chili di tali alimenti sono stati sottoposti a sequestro.
A Marina di Carrara, il titolare di una gelateria dovrà pagare una multa di 1.000 euro perché aveva mantenuto i locali dell’attività in precarie condizioni igienico-sanitarie per la presenza di animali infestanti. I carabinieri hanno chiesto l’intervento del personale dell’Asl, con cui è stata disposta l’immediata chiusura dei locali e la sospensione dell’attività.


Ancor più grave la situazione di un ristorante etnico a Marina di Massa, dove i militari del Nas hanno scoperto pessime condizioni igienico-sanitarie, con presenza di sporco diffuso in tutti gli ambienti, evidenze di animali infestanti vivi e morti sul pavimento e a ridosso delle attrezzature. Anche in questa circostanza i carabinieri hanno chiesto l’intervento del personale della Asl, con cui è stata disposta l’immediata chiusura dei locali e la sospensione dell’attività. Elevate sanzioni pari ad euro 4.500, disposto il blocco sanitario di circa 50 chili di alimenti (prodotti di carne e ittici) privi di tracciabilità.

Lascia un commento
Total
7
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!