Cinque Terre: sequestrato un cantiere abusivo all’interno del Parco Nazionale

In data odierna i carabinieri della stazione del Parco Nazionale delle Cinque Terre hanno eseguito la convalida del sequestro preventivo a cui avevano sottoposto un cantiere e una strada di 1.500 metri completamente abusivi, realizzati in zona 2 del Parco, nel Sito di Interesse Comunitario Punta Mesco, nel comune di Monterosso al Mare.
I giorni scorsi i militari avevano accertato che erano in corso vari lavori non autorizzati per l’apertura di una strada interpoderale all’interno di una zona boscata, per la modifica di un edificio rurale, per l’espianto di alberi

Per evitare che fossero proseguiti e ultimati dei lavori abusivi, i militari avevano sequestrato preventivamente l’area, denunciato e sanzionato i presunti responsabili, per violazione della normativa urbanistica, paesaggistica, di polizia idraulica, legge quadro sulle aree protette, legge sulla biodiversità, vincolo per scopi idrogeologici, sulla tutela delle piante d’ulivo.
Inoltre la realizzazione della strada, effettuata con un escavatore lungo tratti in pendenza e senza opere di regimazione idrica, ha modificato l’alveo di 6 corsi d’acqua, creato scarpate franose e divelto tra l’altro anche decine di esemplari di ginepro rosso, specie particolarmente protetta.

Ultime notizie

Tutte le novità più importanti sul bonus benzina 200 euro, prorogato anche nel 2023

Dipendenti e collaboratori negli ultimi mesi stanno facendo i conti con il caro benzina, che incide in maniera importante...