A Comano, duro attacco della minoranza: “Maffei omette dai consigli i nostri atti: no ai padri padroni”

Nell’ultimo consiglio comunale di Comano, tenutosi in settimana, si è verificato un episodio che ha suscitato le ire della minoranza consiliare, guidata da Rita Galeazzi.”Nel precedente consiglio, visto che erano trascorsi più di trenta giorni dalla presentazione, avevamo chiesto al sindaco Maffei di inserire all’ordine del giorno la nostra interrogazione. Una richiesta legittima, un dovere previsto dai regolamenti sul funzionamento del Consiglio comunale”.

“Il Sindaco, dimostrando uno scarsissimo rispetto istituzionale – afferma la minoranza -, non ha inserito l’atto, impedendoci, di fatto, di discuterlo. Ribadiamo al signor Maffei, che forse non è abituato ad avere una minoranza, che anche noi rappresentiamo i cittadini. Soprattutto quei cittadini rimasti bloccati per settimane a causa dell’inerzia sua e della Provincia “.

Nell’occhio del ciclone le strade provinciali per il Lagastrello e per Fivizzano: “Un vero e proprio danno economico e logistico”. Al consiglio comunale era presente il Presidente della Provincia: “È il benvenuto, ma Maffei prima di garantire voce al suo partito e alla sua filiera, dovrebbe garantire la minoranza consiliare”.

Comano ha anche un’opposizione: “È vero, ma pare che il Sindaco non se ne sia accorto.  Visto che non lo fa lui chiederemo al Prefetto di garantire i nostri diritti”.

A ribadire il concetto il Coordinatore seniores di Forza Italia, Pierluigi Bassignani: “Raccolgo molte lamentele dai cittadini di Comano per lo stato delle strade che incide sui trasporti e inciderà sul turismo. Adesso tutti si sono resi conto che Comano manca di una guida autorevole. Guidare un Comune non è come guidare un’associazione e queste sono le conseguenze”.

** AGGIORNAMENTO

Dopo la pubblicazione del comunicato della minoranza, interviene il sindaco Maffei che informa di aver già presentato le sue scuse a Rita Galeazzi per quanto accaduto. “Veramente mi dispiace – chiarisce il Sindaco -, non è il mio essere nascondere le cose, anzi ritengo che quello che ha fatto la minoranza sulla strada è stato fondamentale e penso che il suo ruolo sia fondamentale e di rispetto verso i cittadini. Purtroppo è successo che hanno presentato l’interpellanza e nel primo consiglio ne abbiamo discusso e in questo ultimo non è stata inserita perché ne avevamo già parlato. Mi scuso veramente – conclude Maffei – e nel prossimo consiglio verrà inserita.

Ultime notizie

Tutte le novità più importanti sul bonus benzina 200 euro, prorogato anche nel 2023

Dipendenti e collaboratori negli ultimi mesi stanno facendo i conti con il caro benzina, che incide in maniera importante...