Riparti Lunigiana, Fivizzano: com’è andato il confronto Giannetti-Domenichelli

Il futuro dell’ospedale di Fivizzano riparte dalla Don Gnocchi che, finalmente, riapre. Oggi il sindaco Gianluigi Giannetti è a Pisa per la firma della nuova convenzione. Ospiterà anche un hospice, di riferimento per tutta la Lunigiana.

Prossimo obiettivo, per il quale si sta battendo, è poter avere l’anestesista h24 nell’ospedale di Fivizzano. “Non possiamo aspettare l’elicottero”.

Intanto, per i giorni nei quali ci sarà la sala operatoria aperta ci sarà l’anestesista h24. Sono stati inseriti posti di stati vegetativi, che necessitano di assistenza anestesiologica. L’annuncio lo ha dato lo stesso sindaco durante il talk di RadioA con il capogruppo della opposizione in Consiglio comunale Alessandro Domenichelli, di Alternativa per il futuro.

Molti i temi trattati nel corso del dibattito. A cominciare dal Piano Cave. L’opposizione chiede l’apertura delle Cave ai turisti, ma questo richiede di trovare un equilibrio. La presenza delle cave deve poter avere un ritorno per il territorio.

Al capitolo infrastrutture, Giannetti ha fatto il punto sul progetto della bretella di Grassano che va avanti. Mentre sono già stati aggiudicati i lavori del viadotto di Gassano per il collegamento con la Statale 63. E sono molti i fronti aperti, a cominciare dalle scuole: è stata infatti affidata la costruzione dell’istituto tecnico superiore, che sorgerà dove c’erano le ex scuole medie, un’area da riqualificare, con parcheggi e la viabilità rivista. Sarà un polo moderno, il 15 di settembre si sarà la consegna lavori alla ditta. Un’opera da 2 milioni di euro.

Basteranno gli investimenti a frenare l’emorragia degli studenti? No, secondo Domenichelli, che ha sottolineato l’errore di aver puntato sull’omnicomprensivo e di aver perso il socio sanitario, per esempio.

Ed è tornata sotto i riflettori la questione dell’avanzo di bilancio (1 milione e 300 mila euro nel 2020) che dal 2014 si rinnova ogni anno. “Dobbiamo prelevare ai cittadini ciò che sappiamo usare bene. Se no, abbassiamo le tasse”, ha stigmatizzato Domenichelli. Così come quella della ristrutturazione del Palazzo dello sport che procede a rilento. Il sindaco, dal canto suo, oltre a precisare che “gli avanzi vengono reinvestiti l’anno successivo”, ha chiarito in merito al palazzo dello sport che il Comune ha scelto di partecipare a un bando nazionale uscito lo scorso anno “Sport e periferie”: “Se saremo in graduatoria – ha detto Giannetti – avremo 700mila euro e potremo ristrutturarlo in modo veramente moderno”.

Non è mancato un passaggio sulla Reggio – mare che Giannetti e Domenichelli a una sola voce non esitano a definire “un sogno”. Con molti ostacoli. Fivizzano partecipa al comitato che ha ridato vita al progetto di  Gino Chinca. Ma c’è un fattore tempo. Per rientrare nei finanziamenti del Pnnr occorre essere molto più che veloci. E uniti.

Total
19
Condividi
Lascia un commento
Total
19
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: