Quando la sicurezza non è accompagnata dal buon senso

Oggi libero dalle mie fatiche dei campi, mi sono dedicato a fare un giro con la mia “poderosa 4.0”.

Casualmente mi sono trovato a percorrere la strada provinciale n 17, che ha un innesto con la strada provinciale n 15.

Queste due strade, fanno parte della “bretella” predisposta dalle competenti autorità, per ovviare alla chiusura temporanea del ponte sul fiume Aulella, per la sua messa in sicurezza, e che fa parte della strada regionale n 445 che mette in comunicazione il comune di Casola in Lunigiana, a valle con l’autostrada Parma – La Spezia e a monte con i comuni dell’alta Garfagnana di Minucciano e Giucugnano.

Le foto che ho scattato sono eloquenti, rispetto alle difficoltà più o meno grandi che i residenti, turisti, mezzi di soccorso, camion di approvigionamento alimentare e di carburante dovranno affrontare nei prossimi giorni per raggiungere o spostarsi dai capoluoghi dei comuni di Casola in Lunigiana, Minucciano e Giucugnano.

In una assemblea pubblica con il sindaco di Casola in Lunigiana e il presidente della provincia di Massa Carrara, sono state fatte delle proposte (un guado di poche decine di metri oppure un “ponte Bailey”) che unitamente ai lavori di messa in sicurezza del ponte sul fiume Aulella, non esponesse a inutili rischi gli abitanti e tutti coloro che per impegni lavorativi e di turismo devono percorrere la strada regionale 445.

In altre parole, non vorremmo che si arrivasse al paradosso che la messa in sicurezza del ponte sul fiume Aulella, sia a discapito della sicurezza e della libera circolazione delle persone, in un territorio tra l’altro a rischio di incendio e terremoti.

Per tale motivo ripubblico, il riassunto delle proposte fate alle autorità competenti che fine adesso hanno taciuto….ma noi siamo speranzosi….perché magari “qualcuno” ha la “forza”….ma “noi” abbiamo la ragione dalla nostra parte.

Buona domenica.


 “Saluto al ponte” domani mattina lunedì 26 alle 8 al ponte per sottolineare ed esprimere la propria ferma contrarietà alla chiusura del ponte. 

È questa la decisione scaturita nell’assemblea di oggi pomeriggio. 

L’assordante silenzio delle autorità interpellate giorni fa dalla cittadinanza di Casola in Lunigiana e di Minucciano e Giuncugnano dell’Alta Garfagnana sulla chiusura del ponte sull’Aulella della SR 445  che porta a Lucca e alla costa e all’autostrada della Cisa,  ha ancor di più indignato la comunità. Nell’assemblea di  oggi pomeriggio, è stato nuovamente richiesto ai sindaci di farsi carico delle ripercussioni negative sulla comunità e di far approntare un guado o un ponte provvisorio per ovviare alla chiusura totale.

È stato messo in rilievo che le alternative viarie sono disastrose, e le foto mostrate non lasciano dubbi. Possibile che non ci sia stato un pensiero per chi deve percorrere queste strade? Come faranno   due mezzi a passare contemporaneamente, e tutto il traffico che si riverserà? E mezzi di soccorso ed emergenza come faranno? Sono domande a cui ad oggi, non vi è risposta, e soprattutto non sembrano fare problema.

(Vincenzo M.)

Total
21
Condividi
Lascia un commento
Total
21
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: