Proseguono i controlli antidroga a La Spezia

Nella giornata di venerdì, il centro cittadino del capoluogo è stato oggetto di un mirato servizio di controllo da parte del personale della Polizia di Stato, con finalità preventive di condotte illecite, con particolare riguardo allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Il personale delle Volanti della Questura spezzina, coadiuvato da tre equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Liguria e da un’unità cinofila antidroga della Questura di Firenze, si è focalizzato sul quartiere Umbertino e tutto il centro storico, nonché sulla zona dei giardini pubblici.

E proprio nei giardini di via Mazzini sono stati controllati due cittadini di origine senegalese, uno dei quali, 20enne in possesso di regolare permesso di soggiorno e residente in Toscana, è stato deferito all’A.G. per inosservanza di un provvedimento di divieto di ritorno nel comune della Spezia, del quale risultava destinatario già dalla fine di aprile. Anche il connazionale, un 26enne pregiudicato, che aveva suscitato l’interesse del cane dell’unità cinofila, è stato condotto negli uffici della Questura, dove ha tentato di sottrarsi al controllo, provocando lesioni ad un operatore del Reparto Prevenzione Crimine, che hanno richiesto le cure del Pronto Soccorso.

Lo straniero, trovato in possesso di alcune dosi di sostanza stupefacente, non soltanto è stato segnalato alla locale Prefettura quale assuntore, ma è stato denunciato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e la sua posizione sul territorio nazionale messa al vaglio dell’Ufficio Immigrazione per i provvedimenti di competenza.

Nel corso di un altro controllo in piazza Brin da parte dell’unità cinofila, la segnalazione del cane antidroga ha portato al rinvenimento e al conseguente sequestro di 10 grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish, occultata nel bordo di un’aiuola.

Al termine delle attività operative, sono state controllate complessivamente 81 persone, di cui 32 con precedenti penali o di polizia, 26 cittadini stranieri e 25 autovetture.

Altro servizio è stato effettuato sempre in città nella serata di lunedì 31 maggio, con finalità antiassembramento, ponendo particolare attenzione all’individuazione di gruppi di giovani che nelle scorse settimane hanno creato episodi di intemperanza, specialmente nel centro storico.

Durante un controllo in via Biassa, gli operatori hanno notato un uomo che, alla vista dell’autovettura di servizio, cercava di allontanarsi frettolosamente; fermato dagli agenti, il giovane, un cittadino italiano di 23 anni di origini magrebine, con vari precedenti per reati contro il patrimonio e la persona, è risultato essere sottoposto all’obbligo di dimora nel comune di Villafranca Lunigiana, emesso lo scorso 24 maggio dal Tribunale di Sorveglianza di Massa ed è stato pertanto segnalato all’A.G. per l’inottemperanza agli obblighi imposti.

Nei pressi della Stazione Centrale gli operatori della Questura hanno proceduto invece al controllo di un cittadino magrebino 28enne, con numerosi precedenti soprattutto per reati contro il patrimonio e spaccio di sostanze stupefacenti, che è risultato destinatario della misura cautelare del divieto di dimora nella provincia della Spezia, nonché un provvedimento di rintraccio per la notifica di alcuni atti giudiziari. Accompagnato in Questura, al termine degli accertamenti, è stato segnalato all’A.G. per l’inosservanza dell’obbligo imposto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Related Posts
Total
0
Share

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!