sabato 22 Giugno 2024

Asl risponde a Mastrini: “Il servizio di emergenza è qualificato e in linea con le esigenze del territorio”

Secondo il sindaco di Tresana Mastrini, nei giorni scorsi la direttrice dell’ASL Toscana Nord Ovest avrebbe deciso di non programmare l’attività dell’ambulanza medicalizzata “Mike” di Aulla per il mese di ottobre rimarcando: “Non è così che si gestisce un territorio in cui vivono 50.000 persone”

Jacopo Ferri, sindaco di Pontremoli ha attaccato duramente la ASL con queste parole: “È una vergogna incredibile che mortifica ulteriormente un territorio e la sua gente, e che nel silenzio complice e vigliacco di Regione Toscana ed Azienda Asl ci ‘condanna’ a subire disservizi e rischi di cui ovviamente è facile infischiarsi stando seduti e protetti, oltre che lautamente pagati, dietro le scrivanie pisane o fiorentine.”

Nel pomeriggio di ieri ASL ha risposto tramite il direttore dell’area emergenza/urgenza Andrea Nicolini il quale ha spiegato che l’attuale situazione dei servizi 118 in Lunigiana è garantita da una rete di soccorso integrata e differenziata su tre livelli.

In particolare, la Lunigiana dispone di tre automediche, che assicurano nei soccorsi più complicati la presenza di un’equipe sanitaria (medico e infermiere) direttamente sul luogo dell’intervento.

Inoltre, quando è necessaria la presenza sull’ambulanza di un ulteriore sanitario, questa viene sempre garantita.

Il direttore Nicolini ha quindi assicurato la cittadinanza sulla capacità del sistema 118 di rispondere alle necessità del territorio.

In conclusione, il piano di riorganizzazione del 118, che seguirà le linee di indirizzo della delibera regionale 1424/2022, prevede di mantenere in Lunigiana le tre automediche, garantendo così un soccorso qualificato e in linea con le esigenze del territorio.

Articoli Simili