giovedì 18 Luglio 2024

Lunigiana, comuni divisi sulle deleghe alla disabilità

Riceviamo e pubblichiamo da parte di Giacomo Perfigli, coordinatore dell’Osservatorio Disabilità Massa Carrara:


Dopo l’ultima tornata delle elezioni Comunali in Lunigiana possiamo osservare che ancora ben pochi Comuni pensano ad istituire una delega specifica alla disabilità mentre altri Comuni dimostrano di essere più sensibili al tema.

Tra le Amministrazioni Comunali dove si sono svolte le elezioni (Fivizzano, Casola, Podenzana, Tresana, Licciana Nardi, Comano, Filattiera, Fosdinovo), solo i Comuni di Tresana e Licciana Nardi hanno istituito la delega alla disabilità rispettivamente all’Assessore Valentina Griva e al Vice Sindaco Omar Tognini.

Delle Amministrazioni che non sono state chiamate alle urne, Pontremoli risulta ad esser il primo comune ad averla istituita nel 2021(delegato il consigliere Paolo Parodi) in Lunigiana.

Sicuramente la delega alla disabilità non è la soluzione a tutte le difficoltà che incontrano persone con disabilità nella loro vita quotidiana, ma la sua istituzione indica un segnale aggiuntivo di civiltà che pone particole attenzione a questo settore.

Un settore enorme che va dai servizi assistenziali, opere di sensibilizzazione ed abbattimento di barierre architettoniche, tutti argomenti che sono (ahimè) sempre di attualità visti i tagli ai servizi e “dimenticanze” sulle opere pubbliche.

Ancora ad oggi si assistono a barriere architettoniche su edifici pubblici di nuova costruzione o continue mancanze di senso civico,

Ampliando il ragionamento sui 14 Comuni che compongono la Lunigiana, in materia di PEBA (Piano Eliminazione Barriere Architettoniche), troviamo solo 3 Comuni che hanno adottato tale piano, in 2 in fase di adozione e i rimanenti 9 e non hanno adottato tale piano.

Ricordo che i PEBA, ovvero i Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche, sono gli strumenti in grado di monitorare, progettare e pianificare interventi finalizzati al raggiungimento di una soglia ottimale di fruibilità degli edifici per tutti i cittadini; ed obbligatori da parte delle Enti ad adottarli.

Concludo invitando i Comuni Lunigianese a regolarizzarsi verso la loro adozione (la quale oltre che obbligatoria permette di aver punteggio ad accedere ai finanziamenti statali), e a sensibilizzarsi ancor di più verso il mondo della disabilità istituendo la delega ad esssa legata.

Spesso si vedono istituite deleghe “fantasiose” e perchè non istituirne una concreta verso un settore così importante? 

Permetterebbe di aumentare ulteriormente il focus sul mondo della disabilità associandola anche a fatti concreti, siamo nel 2024 ed è ora che i Comuni Lunigianesi si evolvano ulteriormente su questo punto.

Articoli Simili