17 Aprile 2024, mercoledì
12.7 C
Fivizzano

Mancata sicurezza sul lavoro, fermati i lavori in un cantiere a Montignoso

Nei giorni scorsi, militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Massa Carrara, in collaborazione con la Stazione Carabinieri di Montignoso, nell’ambito dei controlli svolti nel settore dell’edilizia hanno provveduto a ispezionare un cantiere edile a Montignoso, dove era in costruzione una palazzina di tre piani.

In prossimità del cantiere sono stati notati due lavoratori che stavano lavorando sul tetto in costruzione (al momento costituito da trave portante e travi laterali senza alcuna copertura), in equilibrio sulla trave portante, privi di sistemi di ritenuta contro le cadute dall’alto.

Sono stati immediatamente sospesi i lavori e fatti scendere i lavoratori, che risultavano essere di nazionalità egiziana, con permesso di soggiorno quali richiedenti asilo e non comprendevano sufficientemente la lingua italiana.

Convocate le parti datoriali e il coordinatore per la sicurezza, è emerso che i due lavoratori erano stati assunti da poco tempo da una ditta di Massa, a cui erano stati affidati i lavori in subappalto per la realizzazione della copertura del tetto. 

Le forze dell’ordine hanno anche accertato che persistevano gravi violazioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro per i lavori in quota, dove risultavano insufficienti le protezioni collettive e totalmente mancanti i dispositivi di protezione individuale.

Sono stati quindi formalizzati provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale per un totale di 9.600 euro e contestate 8 prescrizioni obbligatorie per le il ripristino delle condizioni di sicurezza relative alle precarie condizioni in cui stavano lavorando i due lavoratori, alla mancanza di adeguata formazione e dispositivi di protezione individuale consegnati agli stessi, alla mancanza di valutazione dei rischi delle fasi lavorative che stavano effettuando gli operai. 

Anche nei confronti dell’impresa affidataria sono state formalizzate 3 prescrizioni obbligatorie per il ripristino delle condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro in quanto non ha verificato le condizioni di sicurezza per le lavorazioni affidate in subappalto e per aver realizzato un ponteggio non idoneo per prevenire le cadute dall’alto.

I due imprenditori, a cui sono state contestate violazioni per cui la legge prevede ammende sino a 68.000 euro, sono stati quindi deferiti all’Autorità Giudiziaria. 

Si sottolinea che la responsabilità penale dei soggetti sarà accertata solo all’esito del giudizio con  sentenza irrevocabile o per estinzione del reato connesso agli adempimenti posti in essere dagli indagati a seguito delle prescrizioni e al pagamento di ¼ dell’ammenda prevista. Nei confronti degli stessi vige, infatti, la presunzione di innocenza che l’art. 27 della Costituzione garantisce ai cittadini fino a sentenza definitiva.

Fondamentale alla buona riuscita e tempestività del controllo è il monitoraggio accurato e capillare posto costantemente in essere dalle locali Stazioni dell’Arma, attuato con il supporto specialistico dei militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Massa Carrara, competenti per i sopralluoghi effettuati all’interno dei cantieri edili. 

Redazione
Redazione
Desk della redazione, con questo account pubblichiamo comunicati stampa, eventi e notizie di carattere regionale e nazionale
News feed
Notizie simili