22 Aprile 2024, lunedì
5.1 C
Fivizzano

Litiga con la fidanzata e tenta di togliersi la vita ingerendo medicinali

Provvidenziale è stato l'intervento della polizia

Nel pomeriggio di ieri, le volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura hanno brillantemente risolto un tentativo di suicidio di un giovane appena maggiorenne che, a seguito di una lite con la fidanzata, aveva manifestato la volontà di farla finita ingerendo una notevole quantità di medicinali da banco che la madre della sua giovane compagna deteneva all’interno del suo appartamento. 

Erano le 15:15 circa quando la Sala Operativa rispondeva alla richiesta di aiuto di una donna che riferiva preoccupata all’operatore che il fidanzato della figlia aveva ingerito tutti i farmaci che aveva trovato in casa accompagnati da alcune bevande alcoliche, minacciando di gettarsi dalla finestra dell’appartamento posto al terzo piano qualora la donna avesse allertato i soccorsi o le forze dell’ordine.

Immediatamente la Sala Operativa ha inviato sul posto la Volante di zona i cui componenti, considerata la criticità della situazione e la minaccia proferita dal ragazzo hanno deciso di introdursi senza esitazione all’interno dell’appartamento avvalendosi della collaborazione della richiedente la quale, con una scusa, era riuscita ad aprire la porta di casa senza che il ragazzo si potesse insospettire. 

A questo punto, gli operatori sono entrati furtivamente all’interno dell’appartamento, muovendosi silenziosamente e rannicchiati, notando sullo sfondo che il ragazzo si trovava nel vano cucina a pochi passi dalla finestra. Considerato il rischio che il ragazzo alla vista degli operatori potesse dar seguito alle sue minacce di gettarsi dall’infisso, gli operatori sono riusciti velocemente a porsi alle spalle del ragazzo decidendo di agire in sinergia: mentre il capopattuglia si frapponeva tra il ragazzo e la finestra, l’altro operatore, un giovane agente da pochi anni nell’Amministrazione, riusciva con movimenti rapidi a bloccare e a contenere in sicurezza il ragazzo, fisicamente prestante, che provava senza successo a divincolarsi sbracciando e cercando di eludere la presa dell’agente. Una volta assicurato, in attesa dell’arrivo dei soccorsi, entrambi gli operatori hanno tentato a più riprese di calmare il giovane, il quale continuava ad affermare di volersi togliere la vita, rifiutando di spiegare le ragioni del suo profondo disagio.

Trasportato presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile Sant’Andrea, il ragazzo, se pur cosciente, è stato sottoposto ad una immediata lavanda gastrica e ricoverato con prognosi riservata presso il Reparto di Medicina D’Urgenza al fine di evitare l’insorgere di fatali complicazioni epatiche successive all’ingestione smodata di farmaci.

A seguito della somministrazione delle cure, le condizioni del ragazzo sono migliorate e non si trova in pericolo di vita. 

Diego Remaggi
Diego Remaggihttp://diegoremaggi.me
Direttore e fondatore de l'Eco della Lunigiana. Scrivo di Geopolitica su Medium, Stati Generali e Substack.
News feed
Notizie simili