Lascia i figli piccoli in casa: denunciata per abbandono di minori

I fatti risalgono ad alcuni giorni fa, quando i Carabinieri del Nucleo Radiomobile sono intervenuti presso una palazzina di Marina di Carrara, dove alcuni vicini avevano segnalato che c’era un bambino piccolo affacciato pericolosamente da una finestra al secondo piano. Secondo la versione dei testimoni, sembrava non esserci un adulto vicino quel bambino, che in lacrime continuava a chiamare la mamma, correndo il rischio di affacciarsi troppo. 

Sotto lo sguardo preoccupato dei passanti che richiamati dal pianto del bimbo si sono fermati per assistere alle operazioni, i militari dell’Arma si sono divisi i compiti. Un Carabiniere è salito al secondo piano dove nel frattempo era già intervenuto anche un collega fuori servizio che abita nei paraggi, a sua volta avvisato dal passaparola del vicinato. Dopo aver bussato ripetutamente alla porta dell’appartamento, non ha risposto nessuno. Fortunatamente, i militari dell’Arma sono riusciti ad attirare l’attenzione del bambino che si è allontanato dalla finestra ed è rimasto dietro la porta d’ingresso, quindi hanno potuto parlare con il piccolo per tranquillizzarlo. Contemporaneamente, l’altro Carabiniere, rimasto in strada ad attendere i Vigili del Fuoco, ha interpellato tutti i vicini per avere notizie di quella famiglia. 

Ad un certo punto è sopraggiunta la madre del bambino, una 36enne originaria della Romania che era stata avvisata per telefono da uno dei coinquilini. La donna, dopo aver aperto la porta di casa e consolato il figlio ancora in lacrime, si è giustificata dicendo di essere uscita soltanto per ritirare dei farmaci da una sua amica, poi prima di rincasare si era fermata un attimo presso una rivendita di tabacchi poco distante. La sua versione, però, non è apparsa convincente, visto che dal primo intervento dei Carabinieri fino al momento in cui la signora è tornata a casa, erano già trascorsi più di venti minuti. Per di più, i militari dell’Arma hanno scoperto che la 36enne non solo aveva lasciato incustodito in casa il bambino di quattro anni, ma anche la sorellina di soli due mesi che stava dormendo in un’altra stanza.

Acquisite le testimonianze di chi aveva assistito alle varie fasi dell’intervento, i Carabinieri hanno denunciato la 36enne per abbandono di minori, informando dell’accaduto anche il Tribunale per i minorenni di Genova.

Lascia un commento
Total
13
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!