La violenza domestica è la “pandemia ombra”, casi in aumento

L’appello della Uil Pensionati e del Coordinamento femminile: “La convivenza forzata ha fatto crescere i maltrattamenti familiari sui soggetti fragili”

“La violenza di genere, contro le donne e i soggetti più fragili, è oggi quanto mai più subdola e pericolosa: la pandemia ha infatti generato delle situazioni al limite, convivenze forzate che hanno aumentato i numeri di maltrattamenti familiari, spesso consumati nel silenzio e nell’indifferenza soprattutto nella prima ondata dell’emergenza sanitaria quando tutti gli italiani sono stati costretti a restare in casa. Confinati fra le mura domestiche, magari dentro gli appartamenti senza sbocchi sul mondo esterno, ogni problema si è acuito”. A sollevare l’attenzione su un fenomeno che si è aggravato durante la pandemia sono il Coordinamento donne della Uil Pensionati di Massa e Carrara, Anna Mura e Illia Lombardi, assieme ai segretari del sindacato dei pensionati, Vittorio Geloni per Carrara-Lunigiana e Giancarlo Leorin per Massa-Versilia.

“Le misure di distanziamento sociale e di convivenza forzata,  attuate per tutelare la salute di tutti i cittadini a causa di Covid-19, hanno aumentato la casistica e i numeri dei maltrattamenti familiari.  La convivenza ed il confinamento hanno aggravato situazioni di violenza sulle parti più deboli del contesto familiare: donne, bambini, anziani, disabili – proseguono i rappresentanti Uilp e coordinamento donne -. L’aumento dei casi è stato rilevato dalle Nazioni Unite, che hanno definito il fenomeno ‘pandemia ombra’”. In vista della prossima Festa della Donna, l’8 marzo, chiedono quindi di riportare alla luce il problema: “Servono risposte, che diano priorità e totale sostegno alle vittime di violenza domestica; chiediamo un rafforzamento dei sistemi di prevenzione, incremento e rafforzamento dei servizi di  risposta immediata agli atti di violenza domestica, aumento  del sostegno economico ai centri antiviolenza e alle case protette, garanzia di protezione e riservatezza per i segnalanti  dei reati. Non ci sono solo le donne – concludono – ma tutti i soggetti fragili, come gli anziani, che oltre al dramma di Covid, che particolarmente  li ha colpiti e li colpisce, vivono anche il rischio di subire violenze  nell’ambito familiare. Vorremmo, quindi, sensibilizzare i responsabili politici e le parti sociali interessate al fenomeno, affinché considerino il contrasto alla violenza domestica un settore prioritario, che non deve essere trascurato. Chiediamo che la sicurezza delle persone fragili debba essere messa  al centro di nuove politiche e misure da adottare e tutto ciò diventi più che mai un imperativo valido ed attuale”.

Lascia un commento
Total
5
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!