mercoledì 28 Settembre 2022

La Spezia, minorenni a cavalcioni sugli archi di Buren postano tutto sui social: sanzionati dalla municipale

La mania di postare in rete le proprie bravate è costata cara a tre minorenni di La Spezia. Le foto pubblicate sui social li ritraevano di notte a cavalcioni sulla sommità di uno degli archi di Buren posti al centro di piazza Verdi, sorridenti e soddisfatti di essere riusciti nell’impresa di arrampicarsi sul manufatto, rischiando peraltro di cadere da un’altezza notevole.

I ragazzi avevano pensato di farla franca ma, per loro sfortuna, le foto sono finite sotto gli occhi del comando della polizia municipale in Viale Amendola. Gli accertamenti avviati immediatamente, hanno consentito al comandante Francesco Bertoneri e al nucleo di polizia giudiziaria della polizia locale di risalire all’identità degli autori dell’episodio.

Una minuziosa opera di controllo dei post sui social e la visione delle registrazioni delle telecamere di videosorveglianza comunale di piazza Verdi, hanno accertato che il gesto era stato compiuto dalle ore 23.00 alle 23.30 circa del 29 gennaio scorso, ad opera dei tre minorenni con età compresa tra i 15 ed i 17 anni, tutti identificati.

I tre ragazzi sono stati convocati al comando con i genitori, a ciascuno dei quali, non avendo compiuto atti di rilevanza penale, è stata contestata la violazione dell’art. 3 del regolamento di polizia urbana, che vieta i comportamenti lesivi della sicurezza e del decoro urbano, tra cui anche l’azione compiuta dai tre minori.

Oltre all’infrazione, per la quale ogni genitore dovrà pagare una sanzione pari al massimo a 500 euro, è stata applicata a ciascuno la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da 100 a 300 euro per violazione dell’art. 9 del “Decreto Minniti”, in quanto il luogo dove sono avvenuti i fatti è stato individuato nel regolamento del comune della Spezia come area urbana di particolare interesse e rilevanza. Infine i tre minorenni sono stati direttamente destinatari dell’ordine di allontanamento, consistente nel divieto di avvicinarsi e frequentare le zone centrali della città per 48 ore a partire dalla data di accertamento dei fatti.

Copia dei provvedimenti di allontanamento contestati, sono stati trasmessi con immediatezza al Questore della Spezia per quanto previsto dalla normativa in materia, finalizzato all’eventuale adozione nei loro confronti del cosiddetto “daspo urbano”.

“Con le telecamere e le indagini della nostra polizia municipale non si può pensare di ledere il decoro urbano e passarla liscia, mettendosi anche in condizioni di potenziale pericolo – ha dichiarato il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini – ringrazio ancora una volta il comandante Bertoneri e tutti gli agenti per il lavoro svolto e perché da diversi mesi a questa parte è evidente una grande svolta nella sicurezza alla Spezia: chi delinque viene preso”.

Ultime notizie

A Pontremoli “Una giornata in sicurezza”

Sirene, mezzi di ogni sorta, posti di blocco, ricerca di indagati: Pontremoli sabato 1 ottobre diventerà un vero e proprio teatro della legalità, ma niente...

Fosdinovo: un ricco corredo archeologico

I primi due fine settimana di ottobre vedranno svolgersi a Fosdinovo (MS) due eventi nazionali del Touring Club Italiano dedicati alla Giornata nazionale dei...

Marina di Massa: ancora disperso in mare il giovane turista tedesco

Sono proseguite per tutta la giornata di ieri, ancora con esito negativo, le ricerche del giovane disperso in mare che nella notte di lunedì...
it_ITItalian