giovedì 23 Maggio 2024

Il CIMA di Aulla nel piano di ammodernamento arsenali

“Il Centro Interforze Munizionamento Avanzato di Aulla, il CIMA, è fra gli stabilimenti della Marina militare parte del Piano rinnovamento Arsenali e degli Stabilimenti di Lavoro della Marina militare”. A comunicarlo è il deputato apuano di Fratelli d’Italia Alessandro Amorese.

“Lo schema di decreto ministeriale di approvazione, ha avuto parere favorevole da parte della commissione Difesa. Il piano è parte del programma pluriennale di Ammodernamento e Rinnovamento voluto dal ministero della Difesa, e riguarda, oltre al CIMA di Aulla, gli stabilimenti della Marina militare a Taranto, a La Spezia e ad Augusta. L’ammontare complessivo, lungo dieci anni, del programma per l’ammodernamento di questi siti, è di 233 milioni, di cui quasi 144 relativi ad una prima tranche”.

Il Cima, costituito in Lunigiana nel 1998, in particolare, beneficerà della realizzazione di nuovi depositi, dell’ammodernamento di edifici già esistenti, dell’attuale rete elettrica, delle centrali termiche e degli impianti antincendio.

“Grazie al piano – prosegue Amorese -, sono previsti inoltre interventi sugli impianti che servono da supporto alle attività lavorative. L’obiettivo è l’adeguamento del Centro Interforze Munizionamento Avanzato, così come degli altri sul territorio italiano, agli standard industriali di ultima generazione, anche sotto il profilo dell’efficientamento energetico. Grazie all’attenzione del governo per i territori, la previsione, anche per il lunigianese Centro Interforze Munizionamento Avanzato, è di un ritorno industriale ingente e di crescita occupazionale per le imprese del settore che si occuperanno degli interventi, in particolare quelle del settore edile”.

Redazione
Redazione
Desk della redazione, con questo account pubblichiamo comunicati stampa, eventi e notizie di carattere regionale e nazionale
Verified by MonsterInsights