8 Febbraio 2023

Il Centro Intercomunale di Protezione Civile è realtà: la Regione assegna 400mila euro all’Unione di Comuni Montana Lunigiana

A darne notizia il sindaco di Tresana a assessore alla Protezione Civile dell’Unione di Comuni Matteo Mastrini che così commenta: “Dopo la Green Community, finanziata dal Ministero con 2,5 milioni di euro, la Lunigiana è stata capace di centrare un altro grande risultato. La realizzazione di un Centro Intercomunale di Protezione Civile Multifunzionale, che negli intendimenti dei sindaci dovrebbe sorgere ad Aulla, rappresenta un traguardo fondamentale per il territorio. Penso ai problemi legati al dissesto idrogeologico e al monitoraggio delle aree più a rischio, soprattutto in un’area, la Lunigiana, che ha una storia anche recente di fragilità. Da assessore alla Protezione Civile penso che sia necessario alzare l’asticella e prevenire con investimenti infrastrutturali che sappiano dare risposte ai cittadini”.

Un investimento importante, che arriva dal Fondo della Montagna, e che ha premiato come terzo in graduatoria un progetto strategico per tutto il territorio che morfologicamente e orograficamente presenta numerose criticità sotto diversi punti di vista, e in particolar modo sotto l’aspetto della logistica per quasi tutte le tipologie di servizio pubblico. Oltre ai 400mila euro, ulteriori 45mila verranno aggiunti attingendo direttamente dal bilancio dell’Unione di Comuni.

L’area individuata per la realizzazione del Centro è quella della stazione di Aulla e, nel dettaglio, il progetto prevede la creazione di un Centro di Protezione Civile Intercomunale e Multifunzionale a supporto delle attività di protezione civile e dei servizi attuati e promossi dall’Unione Lunigiana e dai Comuni afferenti.

La struttura, inoltre, avrà carattere di multifunzionalità territoriale, appunto, e potrà essere utilizzata per la collocazione di uno IAT intercomunale dell’Ambito Turistico nonché, nell’ottica di favorire la digitalizzazione delle aree interne, come “centro di facilitazione alla digitalizzazione per i cittadini”. Altre tipologie di servizi intercomunali potranno essere attivate in base alle logiche strategiche territoriali dell’Unione e dei Comuni afferenti. La struttura dovrà proporre e utilizzare, compatibilmente ai costi e alle caratteristiche tecniche necessarie ad un Centro di Protezione Civile, tecnologie e soluzioni tecniche con l’obiettivo di diminuire i consumi ed essere ecosostenibile, quali pannelli solari e sistemi fotovoltaici.

“Un altro esempio della forza della Lunigiana -. commenta il presidente dell’Unione di Comuni Gianluigi Giannetti – Un risultato che dimostra che l’Unione di Comuni sta dando i suoi frutti. Un Ente che sta viaggiando a una velocità importante per cui arrivano risorse sul territorio e arrivano per progetti e strutture utili al nostro territorio.

In questo caso la possibilità di costruire un centro di protezione civile è importantissima. Il nostro è un territorio fragile da molti punti di vista; quindi, avere un centro attrezzato per la tutela della sicurezza di tutti i cittadini della Lunigiana è fondamentale. Nei prossimi mesi affronteremo altre sfide puntando ad altri risultati. Green Community e Centro Operativo sono sicuramente due dei più importanti”.

Ultime notizie

Presentato il programma del Carlevà dea Spèza

Domenica 12 febbraio torna in città il   Carnevale   spezzino per la gioia di adulti e bambini. La giornata avrà...