domenica 16 Giugno 2024

Nuove apparecchiature medicali donate da Fondazione Carispezia all’ASL5 e alla Società della Salute della Lunigiana 

Le strutture ospedaliere dell’ASL5 e gli ambulatori sanitari della Lunigiana saranno dotati di nuove strumentazioni donate da Fondazione Carispezia. L’acquisizione delle attrezzature, attraverso il contributo di circa 150 mila euro, è il risultato di un’attività di coordinamento con ASL5 e Società della Salute della Lunigiana volta a realizzare interventi mirati, per un costante aggiornamento tecnologico e un’implementazione delle prestazioni diagnostiche e terapeutiche a disposizione dei cittadini.

Dopo la donazione del videodermatoscopio al reparto di Dermatologia dell’Ospedale S. Bartolomeo, in occasione del trentennale dalla propria nascita, la Fondazione promuove un’ulteriore importante iniziativa nel settore della Salute Pubblica, introdotto tra gli ambiti di intervento nel triennio in corso a seguito del percorso di ascolto e confronto con il territorio.

Le strumentazioni

Presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale S. Andrea della Spezia sarà installato un sistema centralizzato di monitoraggio che darà la possibilità al personale di controllare su un unico monitor i principali parametri vitali dei degenti collegati alle diverse postazioni. Il sistema sarà destinato all’area “GIALLA” del Pronto Soccorso dove sono ospitati i pazienti potenzialmente più instabili, in attesa di ricovero e/o in trattamento farmacologico-ventilatorio. Questa strumentazione permetterà un miglioramento della capacità di analisi e sorveglianza h24 dei pazienti, con la possibilità di agire ancora più rapidamente in caso di peggioramento.

L’Urologia dell’ASL5 grazie alla dotazione di un kit tecnologicamente all’avanguardia per enucleazione e morcellazione della prostata, potrà ridurre il numero di interventi chirurgici “open” sulla ghiandola che tradizionalmente prevedono la necessità di un’incisione nell’addome, intervenendo invece in endoscopia. Questa dotazione consentirà quindi ricoveri più brevi per i pazienti e una minore durata della convalescenza. 

Nei reparti di Medicina dell’Ospedale San Bartolomeo di Sarzana, con 70 posti letto per pazienti acuti, sarà possibile utilizzare un nuovo ecografo portatile: un sistema diagnostico che, grazie alla dotazione di diverse sonde, è in grado di realizzare qualsiasi esame, dall’addominale al vascolare al cardiaco, con efficacia e precisione e un’eccellente qualità di immagini. L’ecografo permetterà così di eseguire le prestazioni direttamente al letto dei pazienti, riducendone gli spostamenti. 

La Società della Salute della Lunigiana avrà a disposizione due ecografi portatili di ultima generazione dotati di sonde ginecologiche e cardiologiche, che permetteranno di potenziare i servizi negli ambulatori e consultori di prossimità ubicati nei comuni e nelle frazioni della Lunigiana e di implementare così l’attività di prevenzione in maniera capillare in un territorio con un’estensione di oltre 29 kmq. Grazie a questa strumentazione, sarà prevista anche la possibilità di effettuare ecografie ginecologiche nel corso di due giornate dedicate alla salute della donna presso il Poliambulatorio di Aulla: il 16 giugno e il 6 luglio, dalle ore 15.00 alle 18.00.

Articoli Simili

Verified by MonsterInsights