sabato 24 Settembre 2022

Cambiamenti climatici e insetti minacciano l’olivicoltura a Massa Carrara

Produzione in lieve rialzo rispetto all’anno precedente stimabile tra il 10% e il 20% ma sempre in forte difetto rispetto ad un’annata media che si aggira intorno ai 12/13 mila quintali. Salva invece la qualità. Ad un mese di distanza dalla raccolta delle olive c’è un cauto ottimismo da parte degli olivicoltori che sono preoccupati per le conseguenze, sempre più diffuse e pesanti, della presenza infestante della cecidomia (dasineura oleae), soprattutto in Lunigiana e sulla costa della cimice asiatica che danneggiano i frutti e le piante. A dirlo è Coldiretti Massa Carrara che prevede una raccolta in miglioramento, anche se a macchia di leopardo, sul territorio provinciale. “Se pur con differenze tra zona a zona, dalla costa all’entroterra, in conseguenza dei tanti microclimi che caratterizzano il nostro territorio, la prossima annata olivicola sarà decisamente migliore anche se molto lontana da quello che è il nostro potenziale produttivo. – spiega Francesca Ferrari, Presidente Coldiretti Toscana – Gli olivi si sono ripresi rapidamente dopo mesi di assenza di precipitazioni e grande caldo che aveva fatto annusare una stagione disastrosa replica della passata. Al contrario le piante si sono adattate molto bene in una situazione di forte stress idrico dimostrando una straordinaria resilienza. E’ stata una stagione molto complicata dal punto di vista agronomico e climatico che ci impone di correre rapidamente ai ripari perché estati come queste saranno sempre più frequenti con iniziative infrastrutturali, e penso agli invasi, ed agronomiche. L’olivicoltura per la nostra regione, e per il paese, è molto di più che la semplice produzione di cibo. E’ biodiversità, è turismo, è export. E’ l’identità del Made in Tuscany ed il simbolo della Dieta Mediterranea”. 

Per l’olivicoltura non è stata certa una stagione facile. La fioritura degli olivi è stata abbandonatissima e promettente in primavera ma l’arrivo delle prime fiammate termiche tra maggio e giugno unito alla carenza idrica hanno creato problemi di allegagione provocando in alcune aree anche fenomeni di cascola dei frutti. Le olive che hanno resistito sulle piante nelle settimane successive sono riuscite a riprendere vigore con le piogge di agosto anche se non sono mancati fenomeni estremi con grandinate e trombe d’aria che hanno colpito duramente in alcune aree della regione. A preoccupare ora gli olivicoltori sono gli attacchi tardivi della mosca olearia che il caldo ha tenuto lontane dagli olivi fino ad ora. “La cecidomia è una minaccia presente per la nostra olivicoltura soprattutto nelle zone di Fosdinovo, Licciana, Fivizzano come lo è la cimice asiatica sull’area costiera che sta creando molti problemi. Per far fronte a questi due nuovi killer dei nostri olivi abbiamo chiesto alla Regione Toscana di autorizzare la lotta biologica con il rilascio degli insetti antagonisti altrimenti nel giro di qualche anno i danni saranno ancora più pesanti per un settore che è fortemente legato anche al turismo e al paesaggio. – spiega ancora la Ferrari – La mosca, almeno per ora, non si è sviluppata. La siccità, almeno per questo aspetto, ci ha aiutato non favorendo il suo proliferare. Questi quasi due mesi che ci dividono dalla raccolta saranno cruciali per la prossima raccolta”. 

A pesare sul settore, che in provincia di Massa Carrara si sviluppa su circa 600 ettari, sono i rincari diretti e indiretti energetici che vanno dal +170% dei concimi al +129% per il gasolio nelle campagne mentre il vetro costa oltre il 30% in più sullo scorso anno, ma si registra anche un incremento del 35% per le etichette, del 45% per il cartone, del 60% per i barattoli di banda stagnata, fino ad arrivare al 70% per la plastica. I costi dell’elettricità sono quintuplicati. La conseguenza – spiega Coldiretti Massa Carrara – è che scendono i ricavi delle imprese mentre il carrello della spesa delle famiglie registra aumenti dei prezzi al dettaglio per la maggior parte dei prodotti della tavola con l’olio extravergine d’oliva che non farà eccezione e per il quale sono attesi forti rincari sugli scaffali in autunno con l’arrivo delle nuove produzioni.

Per sostenere le produzioni nazionali, resistere ai cambiamenti climatici e difendere la sovranità alimentare nazionale e la dieta Mediterranea di cui l’olio è componente fondamentale, secondo Coldiretti e Unaprol, occorre un piano strategico per la realizzazione di nuovi impianti olivicoli con varietà italiane, risorse per contrastare l’aumento vertiginoso dei costi di gestione delle aziende agricole e realizzare nuovi sistemi di irrigazione ma servono anche opere infrastrutturali di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque potenziando la rete di invasi sui territori, creando bacini e utilizzando anche le ex cave per raccogliere l’acqua piovana in modo da raccoglierla quando è troppa e gestirne l’utilizzo quando serve. E, ovviamente, per sostenere le aziende italiane di scegliere un prodotto verificando attentamente l’etichetta, con le origini delle miscele non sempre ben visibili. Coldiretti Massa Carrara torna a ribadire la necessità di proseguire a livello internazionale la battaglia per tutelare la qualità del nostro olio extravergine d’oliva, cercando di cambiare anche alcuni parametri che penalizzano i nostri agricoltori già vessati dal cambiamento climatico e dall’aumento sconsiderato dei costi energetici. Il futuro dell’olio italiano passa da questi interventi fondamentali per tutelare un prodotto simbolo del Made in Italy”.

Per informazioni www.massacarrara.coldiretti.it oppure pagina ufficiale Facebook @coldirettimassacarrara

Ultime notizie

Sorpreso a rubare sul lungomare di Lerici, arrestato dai Carabinieri

Ieri pomeriggio, sul Lungomare di Lerici, un cittadino di origine marocchine, pluripregiudicato, è stato tratto in arresto per il reato di furto aggravato. L’uomo, in compagnia...

Lavori sulla linea ferroviaria La Spezia – Parma

Sono in programma, dalle ore 23.30 di venerdì 23 alle 4.40 di lunedì 26, lavori di manutenzione sulla linea Pontremolese La Spezia – Parma...

Condannato a 7 anni di reclusione, arrestato ad Ameglia dalla Polizia

È stato tratto in arresto in esecuzione di un ordine che dispone la carcerazione emesso ieri dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte...
it_ITItalian