4 Marzo 2024, lunedì
5.7 C
Fivizzano

Alpi Apuane, il congresso nazionale di Legambiente delibera contro l’apertura delle nuove cave

La tutela delle Alpi Apuane come patrimonio ambientale, storico e culturale minacciate dalla pressione antropica, in particolare dalle attività estrattive sono state al centro anche del XII Congresso Nazionale di Legambiente, tenutosi a Roma dal 1 al 3 dicembre scorsi. L’associazione ambientalista ha accolto questa questione come propria vertenza nazionale attivando tutti i propri livelli associativi perché vengano assunte iniziative di natura istituzionale e di mobilitazione che mettano fine alla devastazione di questo ecosistema unico e ricco di biodiversità.

Si denuncia lo sfruttamento predatorio della montagna portato avanti dalle imprese. Infatti, delle oltre 5 milioni di tonnellate estratte ogni anno solo il 20 per cento è utilizzato come pietra ornamentale mentre il restante viene destinato ad usi industriali, la maggior parte ridotto a polvere di carbonato di calcio, destinata ad esempio alla produzione di vernici, alla fibra di legno nella carta, oppure viene utilizzata per fare i dentifrici.

Secondo Legambiente: “A nulla sembrano valere le nuove formulazioni dell’art 9 e dell’art 41 della Costituzione, visto che oggi gli imprenditori, purtroppo per voce di alcuni amministratori pubblici, stanno chiedendo l’apertura di nuove cave persino all’interno del Parco Regionale delle Alpi Apuane”.

“Nelle aree più prossime alle zone urbanizzate, questa particolare forma di consumo del territorio genera poi un concreto e rilevante rischio idrogeologico e di inquinamento dell’acquifero. E mentre dei profitti beneficiano pochissimi e ristretti gruppi imprenditoriali, i costi vengono fatti ricadere interamente sulla collettività che già subisce un depauperamento del proprio patrimonio”.

“Per noi toscani la questione apuana è da sempre una delle vertenze prioritarie dell’associazione; – dichiara Fausto Ferruzza, presidente di Legambiente Toscana e responsabile nazionale paesaggio del cigno verde – per questo, prendiamo atto con soddisfazione dell’impegno che ha preso l’associazione tutta nel momento più alto della sua discussione politica. Tanto più rilevante e significativo come impegno, in una fase in cui la comunità del Parco Regionale paventa invece la modifica del Piano Integrato per permettere l’apertura di nuove cave all’interno del perimetro dell’area protetta. Una prospettiva sciagurata e deludente, che avverseremo con forza da subito”

La mozione Apuane è stata presentata dai circoli apuani e sottoscritta da due componenti della Segreteria Nazionale uscente (Antonio Nicoletti, responsabile parchi e biodiversità e Fausto Ferruzza, responsabile paesaggio) è stata integralmente assunta nella Mozione Politica conclusiva del XII Congresso Nazionale di Legambiente.

Redazione
Redazione
Desk della redazione, con questo account pubblichiamo comunicati stampa, eventi e notizie di carattere regionale e nazionale
News feed
Notizie simili