Centrodestra compatto per la Baracchini e contro il PD

I tre principali partiti del centrodestra hanno trovato l’unità intorno alla candidatura di Lucia Baracchini alla presidenza della Provincia di Massa Carrara. “Mentre nel PD si litigava per la corsa alla poltrona, il centrodestra si compattava per dare alla Provincia, distrutta dalla Legge Delrio, una presidenza solida”: così in una nota stampa congiunta Forza Italia, Lega Nord – Padania e Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale condividono la scelta del candidato alle elezioni dell’11 Dicembre.

“È singolare come il PD chieda di votare per la cancellazione delle Province al Referendum del 4 dicembre e, nello stesso tempo, veda, a una settimana di distanza, i suoi dieci candidati darsi battaglia per accaparrarsi le poltrone del Consiglio Provinciale. È chiaro infatti che l’esito delle Elezioni Provinciali sancirà quale sia la corrente dominante all’interno del PD: la presunta unità non deve trarre in inganno, si tratterà di un vero e proprio congresso cui parteciperanno la corrente renziana, bersaniana, i socialisti (che si accorderanno con la corrente vincente) e la sinistra”- proseguono e sull’esistenza delle Province rimarcano: “La Legge Delrio ha distrutto le Province, ma soprattutto ha causato gravi problemi agli amministratori locali e ai cittadini: se le strade provinciali non hanno manutenzione è perchè il Governo ha privato la Provincia delle risorse necessarie preferendo investirle negli 80 Euro anzi che nella pulizia e nella prevenzione del dissesto”.

Matteo Mastrini (Forza Italia), Andrea Cella (Lega Nord – Padania) e Marco Guidi (Fratelli d’Italia) ne approfittano poi per ribadire il no al Referendum Costituzionale: “La Riforma produrrebbe sul Senato gli stessi effetti provocati sulle Province: Renzi e Delrio hanno privato i cittadini del diritto di voto alle Elezioni Provinciali e vorrebbero abolire anche questo diritto per l’elezione del Senato, che non verrà cancellato, ma nominato”

Elezioni provinciali 2016: presentate candidature e liste

Sono due i candidati a Presidente della Provincia come due sono le liste di candidati per il consiglio provinciale per le elezioni di secondo livello in programma l’11 dicembre 2016. Allo scadere del termine, fissato per le ore 12 di oggi 21 novembre, sono state presentate le seguenti candidature e liste (in ordine di arrivo):

  1. Centrosinistra per Massa-Carrara, una lista di 10 candidati al consiglio provinciale e come candidato presidente il sindaco di Montignoso, Gianni Lorenzetti
  2. Alleanza Provinciale Baracchini Presidente, una lista di 10 candidati al consiglio provinciale e come candidato presidente la sindaca di Pontremoli, Lucia Baracchini

Ora le due liste sono al vaglio dell’Ufficio elettorale della Provincia che terminerà i lavori ed adotterà i provvedimenti di adozione/ricusazione delle liste entro mercoledì mattina 23 novembre. Il giorno stesso dell’adozione, quindi mercoledì  23 novembre, alle ore 12, l’ufficio elettorale procederà al sorteggio del numero d’ordine in base al quale i candidati e le liste saranno riportati sulle schede.

L’elezione, si ricorda, è di secondo livello e fanno parte del corpo elettorale i sindaci e i consiglieri comunali in carica (attualmente 215). L’elezione si svolgerà domenica 11 dicembre  2016 dalle 8 alle 20: il seggio elettorale sarà allestito nel Palazzo Ducale di Massa. Il presidente dell’ufficio elettorale, Francesco Loricchio, ha provveduto a costituire il seggio elettorale che sarà formato da: Giuliano Bianchi (presidente), Amelia Biselli, Alessandra Fontanini, Lucia Gargioli e Renata Pelacci.

Pontremoli, ponte di Cadugo: il 3 novembre si formalizza l'accordo

COMUNICATO STAMPA

Il gruppo di maggioranza Cara Püntremal comunica che il lavoro dell’amministrazione comunale sull’annosa questione della ricostruzione del ponte di Cadugo-Cervara continua, con impegno e serietà. Per il prossimo 3 novembre è fissata la conferenza di servizi tra Regione Toscana e Comune di Pontremoli, così come deciso qualche settimana fa da uffici regionali preposti e Sindaco, nell’ultimo incontro fiorentino. La prossima settimana si provvederà quindi a formalizzare l’accordo di programma tra i due enti, sulla base del quale saranno poi avviate le procedure per l’espletamento della gara d’appalto e dei successivi lavori di ricostruzione. Un ulteriore passo in avanti per una vicenda che, com’è noto, è stata caratterizzata da alcune difficoltà, via via superate – dice la maggioranza – grazie al lavoro e all’attenzione garantiti in questi anni dalla giunta Baracchini.

Il Bancarella Cucina resta senza vincitore

L’undicesima edizione del Bancarella Cucina resta ancora senza un vincitore. I libri che si sfidavano per il titolo hanno dovuto rallentare la loro corsa proprio in corso di cerimonia domenica, a causa di un disguido tecnico che ha invalidato le schede di voto e ha costretto il notaio a richiedere l’annullamento di quanto fatto, con la necessaria ripetizione delle votazioni. Esprime grande rammarico Gianni Tarantola, presidente della Fondazione Città del libro, pur ritenendo giusto che gli aventi diritto al voto possano esprimere adeguatamente la loro intenzione.
Il programma della manifestazione, affidato alla conduzione della giornalista Francesca Negri, al Teatro della Rosa, non si è interrotto, ma la proclamazione è rinviata, probabilmente a novembre. La manifestazione è continuata con l’ormai collaudata carrellata di presentazioni dei libri da parte degli autori e con la consegna del Premio “4 Smart” al gruppo Ferrero, da parte del Sindaco Lucia Baracchini e del Sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri. Rimaniamo in attesa di assegnazione e nuova cerimonia.

Pontremoli: non pervenuto il Piano Operativo Comunale

I consiglieri d’opposizione Francesco Mazzoni, Gregorio Petriccioli e Elisabetta Sordi pensano al Piano Operativo Comunale e, in un’interrogazione presentata oggi in Comune (e alla stampa), chiedono con forza quando questo sarà pronto, essendo già scaduto il termine ultimo e da tempo (almeno dall’aprile scorso).

Per loro, l’approvazione di tale piano è non solo urgente ma “obiettivo strategico”: “Da questo soprattutto dipende la crescita del territorio”, si legge nel comunicato. Inoltre, il ritardo già accumulato “sta creando un grave pregiudizio” in tutti coloro che vorrebbero investire sul territorio: “dalle imprese edili, già in difficoltà per la crisi generale e per le difficoltà che da tempo colpiscono il settore, a privati e liberi professionisti”. ??Per questo, dichiarando tutti d’essere disponibili a impegnarsi al riguardo (“al di là di giochini e logiche di parte”), i consiglieri di Open Pontremoli chiedono: in quale attività è impegnata attualmente l’Amministrazione pontremolese, con specifico riguardo al POC; che cosa è stato fatto a partire dall’adozione dello stesso, avvenuta il 27 febbraio scorso, per giungere senza ritardo all’approvazione dello stesso; entro quale termine Sindaco e giunta lo presenteranno – sempre per l’approvazione – al consiglio; e, infine, di mettere in atto ogni iniziativa necessaria a giungere, al più presto, a tale, necessario, risultato.

Oltre a dare la propria disponibilità, Mazzoni, Petriccioli e Sordi propongono l’istituzione di un gruppo di lavoro, “di una Commissione a titolo gratuito o di altro strumento idoneo”, da costituire di comune accordo in consiglio. Il Sindaco, Lucia Baracchini, “avrà tempo” sino al 3 novembre per rispondere a richiesta e sollecito, prima che da semplice interrogazione Open Pontremoli passi a un’interpellanza.

Mediterraneo: Elio Santarella espone a Pontremoli

Giovedì 4 agosto alle ore 18, nella splendida cornice del Palazzo del Tribunale di Pontremoli, tutti sono invitati all’inaugurazione della mostra di Elio Santarella, dal titolo “Mediterraneo”. A presenziare il Sindaco Lucia Baracchini, che coglierà l’occasione per raccontare qualcosa di più sull’artista e le sue opere, che rimarranno a disposizione di tutti coloro che vorranno visitarla sino al 18 di agosto p.v. Un vero e proprio viaggio attraverso le atmosfere tipiche mediterranee che trasporterà tutti coloro che avranno l’opportunità  di vederle da vicino, dalla Versilia alla Lunigiana, dalla costa Ionica alla Costa Azzurra, in un turbinio di sensazioni ed emozioni capaci di rendere il tutto coinvolgente e motivante. Il suo disegno è essenziale, caratterizzato dall’eliminazione di ogni elemento superfluo, per lasciare spazio a tutto ciò che possiede un significato.

Tra le sue opere è possibile trovare dipinti, installazioni, video, sculture, ceramiche e pannelli, a dimostrazione della versatilità dell’artista. Da sempre collabora con architetti e scenografi, alternandosi tra lo studio di Milano, e Verrucola, pittoresca frazione del comune di Fivizzano.

Ed ora la sua mostra è in arrivo anche nel comune di Pontremoli, che da sempre dedica spazio all’amore per l’arte in tutte le sue forme.

Una visita consigliata agli appassionati del settore, ma anche a chi ama i paesaggi, il territorio, a chi è capace di lasciarsi trasportare dalle linee, dal colore, in un’atmosfera unica, carica di sentimenti e ricca di rimandi emotivi.

Il PD boccia la mozione per modificare l'accordo quadro fra RFI e Regione Toscana: Lunigiana a rischio isolamento

La mozione per la modifica dell’accordo quadro fra RFI e Regione Toscana presentata da Forza Italia è stata bocciata dalla Quarta Commissione.

“Sarebbe meglio precisare dal PD – commenta Mugnai – visto che l’opposizione ha votato in blocco per l’approvazione. Ora è chiaro chi difende i cittadini e chi invece, in maniera ostinata, fa scelte sbagliate che porterebbero all’isolamento della Lunigiana”.

Hanno votato a favore invece Lega, Sì Toscana e Movimento 5 Stelle creando un fronte comune in difesa dei collegamenti verso la Lunigiana, che rischia di mantenere solo le corse delle 6.01 da Pontremoli per Firenze e delle 18.53 da Firenze per Pontremoli.

Nell’occhio del ciclone quattro coppie di treni regionali diretti da Pontremoli a Firenze: “Si tratta dei Regionali 23381 delle 12.16, 23385 delle 14.21, 23389 delle 16.21, 23393 delle 18.22, che, una volta arrivati a Firenze ripartono per la Lunigiana con le corse Regionali 23359 delle 12.53, 23363 delle 14.53, 23487 delle 16.53, 23371 delle 18.53”.

Su tutte le furie il Vice Coordinatore regionale di Forza Italia Jacopo Ferri: “Ringraziamo Bugliani e Mazzoni, che rappresentano il PD a Firenze e Pontremoli: meno male che avevano annunciato di voler garantire la Lunigiana. Purtroppo appartengono al PD e non sono in grado di difendere il territorio nel quale sono stati eletti: li invito a fare meno chiacchiere e più fatti”.

Rincara la dose il Sindaco di Pontremoli Lucia Baracchini: “Non consentiremo che la Regione, sul tema del trasporto ferroviario, tratti così la Lunigiana e getti al vento le conquiste di questi anni: siamo pronti a protestare portando i nostri pendolari sotto al Consiglio Regionale”

La scuola si apre al territorio: una giornata a Soliera

L’Istituto tecnico-professionale ‘Pacinotti’  di Soliera nel Comune di Fivizzano ha aperto le sue porte, mercoledì 11 maggio, a tutte le scuole e alle associazioni della Lunigiana che, con grande competenza e professionalità, dedicano la propria attenzione e impegno alla formazione di persone diversamente abili. Una giornata di festa e di forte emozioni a cui hanno partecipato gli allievi dei percorsi: agrario, turistico e servizi socio sanitari.

“Abbiamo voluto recuperare, anche se solo in parte, il percorso che negli anni passati ha incuriosito e coinvolto tanti alunni della nostra scuola – spiega la Dirigente scolastica, Lucia Barcchini – riproponendolo ai tanti ragazzi che vorranno vivere con noi quest’esperienza preziosa. I professori e gli addetti all’azienda agraria hanno lavorato per permettere di capire come si può coltivare la terra preparando piccoli vasetti con piantine, innaffiandole, andando alla scoperta delle tante varietà di fiori che in questo periodo abbelliscono e ingentiliscono le nostre serre, e scoprendo le tante magie del nostro territorio che, sicuramente, è madre terra. L’iniziativa si inserisce nell’approccio, ormai molto diffuso e condiviso, di considerare l’agricoltura, anche nelle sue forme più basilari, quale strumento di integrazione sociale e di mezzo per la realizzazione di percorsi atti a sostenere la cresci tra e il benessere della Persona”.

L’Istituto Professionale è un presidio importante per la Lunigiana; un patrimonio di cultura e integrazione che ha un ruolo essenziale in un’area di montagna. Il bacino di utenza è costituito  dalle province di La Spezia, Lucca, Massa Carrara, zone in cui non sono presenti Istituti dello stesso indirizzo. Fiore all’occhiello è la sua azienda agraria dotata di serre (in cui vengono coltivate piante ornamentali da utilizzarsi in seguito per la creazione di giardini per privati ed Enti pubblici), di un vigneto (da cui si produce vino I.G.T. e spumante con metodo classico) e di spazi aperti (in cui si coltivano piante per l’estrazione di oli essenziali e dove trovano collocazione 14 apiari per la produzione del miele D.O.P. della Lunigiana). La vendita dei prodotti avviene presso la sede (tutte le mattine escluso il sabato) e attraverso l’Associazione Lunigiana Amica.

Alla manifestazione erano presenti lo staff del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano e il presidente dell’Unione dei Comuni della Lunigiana, Riccardo Ballerini. Queste presenze stanno a testimoniare le forti sinergie tra Scuola e territorio e la capacità di fare squadra con progetti didattici e di forte valore ambientale, oggi ancora più importanti grazie al contributo che ognuno può dare al consolidamento della Riserva dell’Uomo e della Biosfera dell’UNESCO.

Debutterà giovedì prossimo, 12 maggio, il nuovo spettacolo dell’IPM. Ossia delle ragazze della Compagnia dell’Istituto Penale Minorile di Pontremoli che, per la prima volta insieme a un gruppo di attori del cittadino Centro Teatro, calcheranno il palco del Teatro della Rosa per offrire, finalmente, al pubblico uno spettacolo frutto di un grande percorso: un percorso artistico, formativo e già lungo tre anni, “Saran rose e fioriranno”, che vanta una collaborazione importante con Paolo Billi, qui regista e da quindici anni attivo anche, fra le altre cose, all’IPM bolognese. È lui l’ideatore e creatore di un’avventura che è stata capace dall’inizio a oggi di costruire, ‘persino’ nella nostra Lunigiana, un vero e proprio ponte fra carcere e società civile, iniziato con successo e con L’uccello di fuoco il 31 gennaio 2014 e proseguito l’anno successivo ‘all’aperto’ con Il Dono. Quest’anno, Mère Ubu Girl’s Circus si proporrà in due serate successive – ambedue alle 21 – e, poi, di più, in una ‘mini tournée’ che porterà le giovani detenute a esibirsi presso la Nuova Sala Garibaldi di Carrara, grazie all’altra collaborazione – anch’essa lunga tre anni e responsabile di ogni extra scenografico, grafico e artistico – con l’Accademia di Belle Arti di Carrara.

carcere 2

Il nuovo spettacolo, con coreografia firmata Elvio Pereira De Assunçao e scenografia firmata Irene Ferrari, è liberamento ispirato al mitico Ubu, partorito a fine Ottocento dalla fantasia dello scrittore francese Alfred Jarry. Folle pantomima della stupidità del potere, attraverso le strampalate vicende dei personaggi, ha sempre rappresentato un momento privilegiato di libertà espressiva per attori e registi. Qui è riletto attraverso una struttura ‘a numeri’ tipica del mondo circense, con in scena – sempre – tipi umani resi ridicoli e rabbiosi dalle proprie stesse caratteristiche e, assieme a loro, un Père Ubu che si fa madre. Madre che è eccessiva ed enorme e che, con figlie terribili e improbabile presentatore, dà vita a una variopinta parata di deformità e difformità umane più o meno manifeste fra le pieghe di una mai abbastanza edificante normalità. Lo spettacolo nasce dal lavoro lungo parecchi mesi delle giovani detenute, che, oltre alla consolidata formazione con Billi, hanno potuto godere di una serie di laboratori, interni ed esterni e tutti utili alla ‘messa a punto finale’. Un impegno che ha guardato al teatro e al movimento ma anche alla pittura per le decorazioni, alla sartoria per i costumi e all’arte in genere per la scena, con insegnanti e studenti d’Accademia. E un impegno che ha guardato, poi e non da ultimo, alla scrittura creativa, con un laboratorio che ha unito carcere e Liceo Malaspina e che ha dato alla luce le tante scritture che concorrono al copione. Indispensabile in questo, come già da tempo per il trimestrale «Scrivolando», la figura della giovane giornalista Manuela Ribolla che, come il Centro Giovanile pontremolese, è ormai fissa e immancabile compagna di questo pezzo di (nuova) vita delle ragazze.

Le prevendite sono già iniziate: per prenotazioni e biglietti basta chiamare il numero 3478222191 o scrivere all’indirizzo centroteatropontremoli@gmail.com. Il prezzo è di 10 euro, con riduzione a 5 per bambini e studenti e con l’intenzione di devolvere l’intero incasso alle ragazze dell’Istituto.

Il progetto, realizzato insieme ad artisti e a soggetti già citati oltre che insieme al Teatro del Pratello di Bologna del regista Billi, vede un contributo del Lions Club Pontremoli ed è patrocinato da Fondazione Toscana Spettacolo onlus, Comune di Pontremoli, Regione Toscana e Centro per la Giustizia Minorile del Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta e Massa Carrara.
Il dirigente di quest’ultimo, Antonio Pappalardo, sarà presente lunedì prossimo, 9 maggio, alla conferenza stampa di presentazione in Istituto che vedrà, assieme al regista, la partecipazione del suo Direttore Mario Abrate, del Sindaco Lucia Baracchini e del Sottosegretario di Stato alla Giustizia, Cosimo Ferri.

Soliera: riparte l'Azienda Agricola dell'Istituto Agrario

Ottime notizie da Fivizzano, precisamente dall’Istituto Agrario di Soliera che, dopo non poche difficoltà, ha rimesso in piedi l’Azienda Agricola collegata alla scuola. Così, proprio ieri, si è festeggiata la primavera ammirando la bellissima serra piena di fiori coltivati dai giovani alunni che, d’ora in poi, torneranno a collaborare con l’Istituto Alberghiero di Bagnone per valorizzare la ricchezza della nostra terra.

Alla festa erano presenti il dirigente scolastico Lucia Baracchini, che ha fatto gli onori di casa, i sindaci di Fivizzano e Licciana Nardi Paolo Grassi ed Enzo Manenti con gli assessori del comune Poleschi, Nobili e il consigliere Ricciardi.

Il sindaco, vista la serra coloratissima di fiori, si è detto soddisfatto della ripartenza dell’azienda agricola, abbandonata negli ultimi anni e recuperata grazie al dirigente Baracchini che si è prodigata per riportarla alla produttività dei vecchi tempi.

“La Lunigiana – afferma il sindaco Grassi – ha bisogno di aziende agricole che producono prodotti di qualità e che vengono trasformati e valorizzati attraverso la ristorazione. Queste sono le ricette di una Lunigiana sostenibile dal punto di vista ambientale, paesaggistico e culturale.”