Premio Montale Fuori di Casa, vince la giornalista Tiziana Ferrario

Il 2021 è in Italia e nel Mondo l’anno delle celebrazioni dantesche ed il Premio Montale Fuori di Casa ha deciso di ricordare tale anniversario rendendo un particolare omaggio alla “Donna”, principale motivo ispiratore sia per la poesia di Dante, nella sua qualità  di donna  angelicata, sia di quella di Eugenio Montale. Nella intervista immaginaria del 1946 il futuro Premio Nobel  scrisse infatti:“Ho proiettato la Selvaggia o la Mandettao la Delia (la  chiami come vuole) dei Mottetti sullo sfondo di una guerra cosmica e terrestre, senza  scopo e senza ragione, e mi sono affidato a lei, donna o nube, angelo o procellaria…”.

Alla “ Donna” nella sua molteplice natura di “nube ,angelo o procellaria” saranno  dunque dedicati  alcuni degli appuntamenti  di questo 2021, ad iniziare da quello del 7 marzo quando verrà premiata on line la giornalista e scrittrice Tiziana Ferrario, una vera “donna- procellaria” volendo definirla  con una di queste ipostasi montaliane.

Con  questo grazioso “uccello delle tempeste” capace di volare ad ali spiegate sulla cresta delle onde, senza mai esserne travolto, condivide infatti due caratteristiche femminili: la delicatezza e la forza. Come ricorda la Presidente del Premio Adriana Beverinila Ferrario come inviata di politica estera della RAI è volata per anni in mezzo alle tempeste, seguendo  guerre e crisi umanitarie in Medio Oriente in Africa, avendo anche modo di conoscere da vicino le discriminazioni a cui sono sottoposte le donne, e testimoniandole con coraggio pur con la raffinatezza e la misura che contraddistinguono ogni suo intervento”.

Tiziana Ferrario ha iniziato descrivendo nel libro “il Vento di Kabul” (2006)  il conflitto in Afghanistan, la triste condizione delle donne locali per continuare nel 2017 con “Orgoglio e Pregiudizi” in cui raccontava la riscossa delle donne americane contro molestie e discriminazioni. 

Del 2020 è il suo ultimo libro “Uomini, è ora di giocare senza falli!” (Chiarelettere editore), un pamphlet provocatorio, fotografia della società in cui viviamo (patriarcale e maschilista in ogni suo ambito, dalla politica allo sport all’istruzione alla scienza allo spettacolo al giornalismo all’editoria), ma anche sguardo rivolto al futuro, con il contributo inedito di quelli che l’autrice chiama “uomini nuovi” che hanno girato le spalle al modello machista. 

Un libro scritto con schiettezza e ironia, raccogliendo anche le suggestioni e le esperienze di molte altre donne: denuncia che riesce sempre a strappare un sorriso. 

La Ferrario è anche molto attiva nel promuovere dibattiti sul tema della parità in Italia (“About Women” è la rassegna che organizza con la Fondazione Ente dello Spettacolo e conduce all’interno della Mostra del Cinema di Venezia) e nel dare visibilità al lavoro delle donne, un tema che sente di estrema urgenza, indicato anche dalle Nazioni unite tra gli obiettivi da raggiungere entro il 2030: la parità di genere.

La premiazione si configura come un vero e proprio talk show su un tema attualissimo, quello delle fake news e del significato dell’essere giornalisti, come indica il titolo: “Il costo della verità”. L’appuntamento coordinato da Alice Lorgna, PR manager del Premio, avrà inizio con gli interventi della Presidente Adriana Beverini e della Vice Presidente Barbara Sussi, che presenteranno la Premiata.

A dialogo con Lei il Vicedirettore del Corriere della Sera Venanzio Postiglione, già premiato nel 2019, uno di quegli “Uomini nuovi” che ci fanno ben sperare per il futuro, ed i giornalisti, ex allievi della Scuola di Giornalismo “Walter Tobagi” di Milano, Leonard Berberi, Federica Scutari ed Irene Soave.

L’evento è inserito nel palinsesto I Talenti delle donne Milano 2020 ed è in media partnership con il  Corriere della Sera.

Tiziana Ferrario – Giornalista professionista, ha lavorato per la RAI come conduttrice del TG1 e inviata di politica estera. Ha seguito guerre e crisi umanitarie, dall’Afghanistan al Medio Oriente all’Africa. È stata corrispondente da New York e ha documentato il passaggio dalla presidenza Obama a quella Trump. Su  quella esperienza ha scritto nel 2017 “Orgoglio e Pregiudizi” sulla riscossa delle donne americane contro molestie e discriminazioni. Sulla stessa linea di impegno per i diritti delle donne, nel 2020 è uscito Uomini è ora di giocare senza falli, edito da Chiarelettere. Nel 2006 ha pubblicato “il Vento di Kabul” descrivendo il conflitto in Afghanistan, la condizione delle donne locali e la difficile ricostruzione. Per il suo lavoro come inviata di guerra è stata nominata Cavaliere al merito dell’Ordine della Repubblica. Molto attenta ai diritti dei minori ha ideato e condotto il GT Ragazzi, primo telegiornale per adolescenti in Italia. Insegna tecniche del linguaggio televisivo al Master di giornalismo Walter Tobagi della Statale di Milano. È una voce molto attiva nel promuovere dibattiti sul tema della parità in Italia. “About Women” è la rassegna che organizza e conduce all’interno della Mostra del Cinema di Venezia per la Fondazione Ente dello Spettacolo.

Total
6
Condividi
Lascia un commento
Articoli simili
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!