Home Italia Ecco il nuovo codice della strada

Ecco il nuovo codice della strada

Immagine di fxquadro su Freepik

Entra in vigore il nuovo codice della strada, che introduce una serie di sanzioni e mette poco accento sulla prevenzione. Matteo Salvini si mostra determinato nel “fermare le tragedie del sabato sera” che hanno causato 200 morti sulle strade dall’inizio dell’anno. Si prevede una rigorosa applicazione degli autovelox e una linea dura per i recidivi che non rispettano le norme. Le multe per l’uso del cellulare o l’invio di messaggi mentre si guida sono fortemente aumentate, arrivando fino a 2600 euro per i recidivi, sospensione della patente e decurtazione di 10 punti. Le multe per chi parcheggia in zone riservate ai disabili o ai bus sono state raddoppiate. Il ministro afferma una “tolleranza zero” per chi guida sotto l’effetto di alcol o droghe. Vengono introdotte nuove norme per i monopattini, le piste ciclabili e i neo-patentati.

Tuttavia, secondo l’avvocato Domenico Musicco, presidente dell’associazione vittime degli incidenti stradali e sul lavoro (Avisl onlus), commentando le nuove disposizioni: “Apprezziamo l’attenzione all’alcol e all’uso del cellulare durante la guida. Tuttavia, senza un aumento dei controlli e una vera politica di prevenzione, queste norme rischiano di rimanere solo enunciazioni e di non portare a vere riforme come la revoca della patente a punti”.

Il pacchetto normativo ha ottenuto un nuovo via libera dal Consiglio dei ministri, che l’aveva già approvato a giugno. Tuttavia, le misure sono state successivamente riviste dalla Conferenza unificata, che ha proposto una serie di modifiche. Ora manca solo l’approvazione parlamentare: il decreto sarà discusso in aula a ottobre, come comunicato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Ecco le principali novità:

Uso del cellulare durante la guida

Chi utilizza il cellulare o invia messaggi mentre guida sarà soggetto a multe più elevate: le sanzioni pecuniarie vanno da 422 a 1697 euro, con sospensione della patente da 15 giorni a 2 mesi già dalla prima infrazione. In caso di recidiva entro due anni, oltre alla sospensione della patente da 1 a 3 mesi, prevista già dal codice attuale, è previsto un pagamento da 644 a 2588 euro e la decurtazione di 8 punti alla prima violazione e 10 punti alla seconda.

Eccesso di velocità

Su richiesta dei sindaci, la sanzione amministrativa pecuniaria sarà aumentata fino a 1084 euro e la sospensione della patente sarà da 15 a 30 giorni se la stessa persona commette violazioni dei limiti di velocità all’interno del centro abitato per almeno due volte in un anno. La patente sarà sospesa anche per chi guida contromano o attraversa un semaforo rosso.

Autovelox

Si sta lavorando a una definizione più stringente delle specifiche tecniche degli autovelox e del loro posizionamento.

Guida in stato di ebbrezza o dopo l’assunzione di stupefacenti

Chi viene trovato in stato di ebbrezza alla guida o “dopo l’assunzione di sostanze stupefacenti” rischia la sospensione della patente fino a 3 anni. Per i recidivi, è vietato assumere alcolici prima di mettersi al volante: il limite di tasso alcolemico consentito si abbassa a 0 g/l, per tutti gli altri il limite è 0,5. Per quanto riguarda gli stupefacenti, non sarà necessario dimostrare uno stato di alterazione psico-fisica, ma il solo sospetto di assunzione potrà scatenare un test immediato: in caso di risultato positivo, si procederà con la revoca della patente e la sospensione fino a tre anni.

Alcol-lock per i recidivi

Diventa obbligatorio per i recidivi l’installazione di un “alcol-lock”, un dispositivo che impedisce all’auto di accendersi se viene rilevato un tasso alcolemico superiore a zero. Il dispositivo dovrà essere installato a spese del guidatore.

“Ergastolo della patente” per reati gravi

Il nuovo codice prevede la revoca a vita della patente nel caso di reati gravi commessi alla guida, ad esempio per gli automobilisti che fuggono dopo un incidente stradale.

Sosta in zone riservate ai disabili

Le multe sono state aumentate anche per chi si ferma o parcheggia negli stalli dedicati ai disabili: per ciclomotori e motoveicoli a due ruote, le multe vanno da 165 a 660 euro (prima erano tra 80 e 328 euro); per auto, furgoni e altri veicoli, le multe vanno da 330 a 990 euro (prima erano tra 165 e 660 euro).

Sosta alle fermate degli autobus

Le multe sono state aumentate se si parcheggia nelle corsie riservate agli autobus e ai mezzi del trasporto pubblico locale: per ciclomotori e motoveicoli a due ruote, le multe vanno da 87 a 328 euro (prima erano tra 41 e 168 euro); per gli altri veicoli, le multe vanno da 165 a 660 euro (prima erano tra 87 e 344 euro).

Neopatentati

Per i neopatentati, è richiesto un periodo di guida obbligatoria di tre anni prima di poter guidare un’auto di grossa cilindrata. Se un minorenne viene scoperto alla guida senza patente, ubriaco o drogato, dovrà aspettare fino ai 24 anni di età per ottenere la licenza di guida.

Monopattini

Si rende obbligatorio l’uso del casco anche per i maggiorenni che utilizzano monopattini, sia privati che in