venerdì 24 Maggio 2024

Morto in ufficio il senatore del Pd Bruno Astorre

La Procura di Roma ha avviato, come atto dovuto, un fascicolo di indagine per istigazione al suicidio

Il senatore del Pd Bruno Astorre è morto mentre si trovava in uno degli uffici del Senato a palazzo Cenci. Sulle cause del decesso sono in corso accertamenti da parte del competente ufficio di polizia di zona. 

Attoniti i colleghi del senatore e gli staff del gruppo al Pd. Astorre, romano e residente a Frascati, avrebbe compiuto 60 anni l’11 marzo. Senatore dal 2013, era segretario regionale del Pd nel Lazio dal dicembre del 2018. Era sposato con Francesca Sbardella, sindaca, eletta con il Pd, di Frascati. 

Il presidente del Senato, Ignazio La Russa ha espresso ”grande sgomento” dopo aver ricevuto la notizia e ha chiesto che le bandiere del Senato siano esposte a mezz’asta.

“Siamo sconvolti e profondamente addolorati dalla tragica notizia della morte del Senatore Bruno Astorre. Tutta la comunità democratica si stringe attorno alla moglie e alla sua famiglia, agli amici e a tutti i suoi colleghi”, ha dichiarato la segretaria del PD, Elly Schlein.

Tanti parlamentari si sono radunati in piazza Sant’Eustachio. L’ex presidente della regione Nicola Zingaretti resta commosso in disparte, mentre arrivano altri parlamentari del Pd. In piazza anche il responsabile regionale di Fdi, Paolo Trancassini.

Nel palazzo è entrata la polizia scientifica per i rilievi. La Procura di Roma ha avviato, come atto dovuto, un fascicolo di indagine in relazione alla morte del senatore Bruno Astorre avvenuta oggi negli uffici del Senato a Palazzo Cenci. Il procedimento, come avviene in questi casi, è rubricato come istigazione al suicidio.

Redazione
Redazione
Desk della redazione, con questo account pubblichiamo comunicati stampa, eventi e notizie di carattere regionale e nazionale
Verified by MonsterInsights