La Spezia, primo servizio sul territorio per il Commissario capo di Polizia Jaci

Ieri pomeriggio il Commissario Capo Jaci ha coordinato il primo servizio sul territorio come neo Dirigente dell’UPG.

Jaci, classe 1987, originario di Messina, laureato in giurisprudenza nel 2013 e  abilitato all’esercizio della  professione forense nel 2014, al termine del corso biennale di formazione presso la Scuola Superiore di Polizia di Roma è stato assegnato alla Questura della Spezia nell’aprile 2020; dopo un periodo di affiancamento operativo in tutti gli uffici e divisioni della Questura, in ultimo Responsabile dell’Ufficio di Gabinetto, da sabato 24 aprile ha assunto l’incarico di dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico.

In relazione alla delicata fase di transizione dell’emergenza sanitaria in atto e delle dinamiche registrate negli ultimi giorni in taluni quartieri cittadini, il primo obiettivo dato dal Questore al nuovo Dirigente dell’Upgsp è l’intensificazione dei servizi di controllo e presidio del territorio nel centro storico, a partire dal quartiere Umbertino, nelle aree che vedono una maggiore aggregazione di frequentatori.

Il servizio su strada di ieri, cui hanno concorso anche quattro equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Liguria, si è concentrato nelle vie oggetto di recenti esposti e segnalazioni al NUE 112, a partire da via Milano angolo corso Cavour, via Firenze, via Nino Bixio e portici di Piazza Brin, e a seguire piazza Garibaldi, giardini pubblici e scalinate storiche. Contestuali i controlli della Squadra Amministrativa della Questura presso gli esercizi pubblici, in particolare quelli già sanzionati in passato per violazione della normativa anticontagio.

Il neo Dirigente, oltre a coordinare i controlli di polizia in senso stretto che in larga parte sono stati svolti con pattugliamenti appiedati, ha avviato un rinnovato approccio di prossimità volto da un lato a recepire al meglio le istanze di sicurezza di residenti ed esercenti e dall’altro a sensibilizzare ed informare sull’attuale stato regolatorio e sanzionatorio le categorie di frequentatori delle suddette aree risultati essere più refrattarie. Ha rivolto un richiamo particolare per il rispetto del divieto di circolazione dopo le 22.00, viste le recenti inottemperanze tuttora all’attenzione dell’Ufficio, registrate all’Umbertino come vicino a piazza Europa.

Gli equipaggi impiegati hanno provveduto ad identificare 42 persone, tra cui 19 cittadini stranieri, delle quali 18 con precedenti penali o di polizia, la cui posizione è in trattazione.  8 gli esercizi commerciali controllati dalla Divisione Polizia Amministrativa spezzina che ha monitorato la situazione di pubblici esercizi, attività commerciali ed esercizi di vicinato,  senza riscontrare violazioni.

Total
3
Condividi
Lascia un commento
Articoli simili
Total
3
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!