domenica, Maggio 29, 2022
spot_img
HomeLunigianaLa campagna AIL è...

La campagna AIL è stata un successo, soprattutto in Lunigiana

spot_img

Si è conclusa con grande successo di partecipazione le Stelle di Natale soprattutto in Lunigiana. Sono state vendute oltre 1500 stelle in vaso e 600 stelle di cioccolato promossa ed organizzata dalla sezione provinciale apuana dell’Associazione Italiana contro le Leucemie, Linfomi e Mieloma organizzazione di volontariato presieduta dal Dr. Ezio Szorenyi noto internista, nefrologo e tossicologo che in questi giorni hanno colorato le piazze delle città di Massa e della nostra provincia con la campagna “Ogni malato di leucemia ha la sua buona stella”.

“L’iniziativa, come è noto – dice il presidente Dr. Ezio Szorenyi – torna puntualmente ogni anno per sensibilizzare l’opinione pubblica alla lotta contro le malattie ematologiche, promuovere e sostenere la ricerca. Un ringraziamento di cuore ai volontari e a tutte le persone che, con generosità, attraverso la loro donazione hanno contribuito a far sì che la ricerca possa andare avanti e raggiungere traguardi di speranza. La raccolta fondi di quest’anno – precisa il presidente – sarà finalizzata alla realizzazione delle seguenti attività: supporto al Gruppo di Ricerca GIMEMA (Gruppo Italiano Malattie Ematologiche dell’Adulto) – Roma. Fondatore: Prof. Franco Mandelli; sostegno alle case AIL che ospitano i pazienti e le loro famiglie; contratto a tempo determinato per medico ematologo presso il DH Onco-ematologico del Centro Polispecialistico Monterosso di Carrara, come prestazioni integrative;upporto psicologico su progetti mirati. Ma le nostre iniziative non finiscono qui”.

“La prossima campagna “Diamo vita alla ricerca: Uova di Pasqua” ci aspetta. Pasqua sembra molto lontana ma si fa presto a raggiungerla e noi tutti ci stiamo preparando a questo importante appuntamento. Desidero ricordare che le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma non si fermano di fronte al Covid-19. AIL lavora ogni giorno per far in modo che i pazienti e le loro famiglie non si trovino mai soli nella loro battaglia e che la ricerca scientifica non si fermi. I Linfomi – spiega lo specialista presidente AIL apuano –  sono tumori causati dalla proliferazione incontrollata di un particolare tipo di globulo bianco: il linfocita. Il linfocita è una cellula essenziale per il nostro sistema immunitario che contribuisce a mantenerci al sicuro da agenti esterni. Se ne riconoscono due tipi che, in base alla localizzazione del loro sviluppo, vengono chiamati B (sviluppo nel midollo osseo) o T (sviluppo nel timo). Per ragioni genetiche (comparsa di mutazioni) i linfociti possono acquisire la capacità di replicarsi in modo incontrollato. Questo permette loro di invadere ed accumularsi nei linfonodi, o in altri organi, generando così il Linfoma. Anche se i fattori che possono dare origine alla malattia sono in gran parte sconosciuti è noto che infezioni da alcuni virus o batteri, così come alcune malattie croniche, aumentano il rischio di sviluppare un linfoma. A causa delle molteplici mutazioni che, perdipiù, possono insorgere in diverse fasi dello sviluppo del linfocita, le caratteristiche dei linfomi sono estremamente variabili. I linfomi comunque possono essere suddivisi in due gruppi:Linfoma di Hodgkin, dovuto alla trasformazione dei linfociti B; Linfoma non Hodgkin, in cui possono essere coinvolti entrambe le tipologie di linfociti (B e T).La modalità di progressione di malattia è un altro aspetto importante per la classificazione: si parla di linfoma indolente quando si ha una lenta progressione della malattia; o di linfoma aggressivo nel caso opposto. Sia la strategia terapeutica da attuare che la prognosi dipendono dalla tipologia di malattia e dalla sua velocità di progressione. Importante dunque la prevenzione e la cura e questo è quello che anche noi ci imoegniamo a fare. Colgo l’occasione per porgere alla collettività apuana tutta, ai nostri volontari i più sentiti auguri di buone feste”.

Ultime notizie

Bilancio positivo per la quarta edizione di Un Borgo da sfogliare

Quindici appuntamenti. Oltre cinquecento studenti di tutte le età coinvolti. Undici autori. Scuole di ogni ordine e grado in arrivo dal territorio e anche...

La Spezia, condanne definitive per violenza sessuale

Condannati in primo grado nel 2020 dal G.U.P. presso il Tribunale di La Spezia con sentenza confermata in Appello l’anno successivo, due spezzini e...

Upvivium: torna dopo la pandemia il contest enogastronomico a km 0 delle Riserve di Biosfera

I ristoratori e i produttori agricoli della Riserva di Biosfera dell'Appennino tosco-emiliano in gara con altre sei are Mab Unesco di sei regioni e...

Leggi anche

it_ITItalian