8 Febbraio 2023

Festival MutaMenti: dal 3 al 10 dicembre spazi di jazz senza frontiere

Versione pre natalizia, quella della seconda sessione del Festival MutaMenti, spazi fluidi di un jazz senza frontiere, che va a completare il ciclo di 16 tappe della rassegna itinerante giunta alla sesta edizione e affidata alla preziosa direzione artistica di Max De Aloe.

MutaMenti, associato alla rete nazionale I-Jazz, che unisce i principali festival jazz italiani, è realizzato dall’Istituto Valorizzazione Castelli insieme ai propri Soci (la Provincia di Massa-Carrara e i Comuni di Massa, Carrara, Montignoso, Pontremoli, Aulla, Podenzana, Comano, Casola in Lunigiana, Fosdinovo, Licciana Nardi, Bagnone, Filattiera, Mulazzo, Tresana, Fivizzano, Villafranca in Lunigiana) e grazie al finanziamento di Regione Toscana, della Provincia di Massa-Carrara, del Comune di Carrara, della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara e di numerosissimi sponsor privati.

Una trama variopinta che unisce il territorio attraverso i fili colorati dei linguaggi del jazz divenedo parte di un progetto complessivo di valorizzazione della “Terra dei Cento Castelli”. MutaMenti è un percorso musicale che conduce alla scoperta di luoghi meravigliosi, di arte e cultura dell’intera Provincia di Massa-Carrara. È un dialogo tra musica e altre forme artistiche. È un viaggio sonoro e visivo nello spazio e nel tempo. E’ un’idea, un obiettivo di cambiamento, rinnovamento e crescita attraverso la musica, l’arte e la cultura.

Il programma di questa seconda sessione, che terminerà il 10 dicembre, si compone di sei appuntamenti coinvolgendo i Comuni di Aulla, Bagnone, Carrara, Licciana Nardi, Montignoso, Villafranca in Lunigiana.

I concerti si susseguono entro scenari suggestivi, dai castelli ai palazzi storici, dai teatri ai centri di ricerca, e sono affiancati da eventi collaterali dedicati alla conoscenza e valorizzazione dei territori per mezzo di visite guidate e percorsi enogastronomici.

Dal 3 al 10 dicembre, sui palchi di MutaMenti, si alternano musicisti internazionali e una variegata schiera di artisti affermati della scena jazzistica nazionale. Non manca la promozione dei nuovi talenti. Nel favorire il ricambio generazionale, il programma prevede da sempre percorsi di sviluppo della creatività per le nuove generazioni e la presenza nel palinsesto di gruppi emergenti e di giovani talenti. Inoltre è previsto un calendario di eventi collaterali su tutto il territorio nel periodo del Festival, a cura di Istituto Valorizzazione Castelli, Sigeric Soc.Coop, Farfalle in Cammino, Coop. AlterEco, Pro loco e associazioni dei Comuni coinvolti.

Info www.festivalmutamenti.it

Ultime notizie

Presentato il programma del Carlevà dea Spèza

Domenica 12 febbraio torna in città il   Carnevale   spezzino per la gioia di adulti e bambini. La giornata avrà...