domenica 26 Maggio 2024

Borseggiano durante lo shopping, due donne denunciate

Sono state identificate dalla Squadra Mobile della Questura della Spezia e deferite in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per il reato di ricettazione ed indebito utilizzo di una tessera bancomat rubata, due donne bulgare già gravate da precedenti di polizia specifici, in Italia senza fissa dimora.

I fatti si riferiscono alla fine del mese di febbraio quando la vittima, una donna sessantacinquenne stava facendo shopping in centro città. Uscita da un negozio si è accorta che la cerniera dello zaino era stranamente aperta e, dopo un rapido controllo, ha constatato l’avvenuto furto del portafoglio contenente, oltre a denaro contante, anche la tessera bancomat.

Nonostante la donna avesse bloccato subito la carta bancomat, soltanto pochi minuti dopo il furto i malfattori avevano già effettuato diverse operazioni in rapida successione, prelevando dal conto corrente il massimo importo di denaro giornaliero consentito.

Alla vittima non è restato altro che formalizzare denuncia in Questura, mentre gli uomini e le donne della Squadra Mobile hanno avviato le indagini, acquisendo ed analizzando le registrazioni dei sistemi di video-sorveglianza del luogo dove si presumeva fosse stato commesso il borseggio che dell’istituto di credito dove erano stati realizzati, in rapida successione, gli indebiti prelievi di denaro contante.

L’attività investigativa ha permesso di ricostruire cronologicamente la vicenda e di accertare che due donne si erano rese responsabili degli illeciti prelievi, utilizzando il bancomat appena sottratto alla vittima.

Nel corso delle investigazioni, effettuate ampliando la zona di analisi delle telecamere di sicurezza, è stato possibile individuare l’autovettura con la quale le due donne si erano allontanate dalla città: un prestigioso ed insospettabile veicolo di grossa cilindrata, condotto da un uomo sul quale sono ancora in corso accertamenti per attribuirgli un ruolo nella vicenda.

Sull’autovettura, con targa di nazionalità bulgara, è stato così inserito un “alert di ricerca” e, pertanto, è stava attivamente cercata sul territorio nazionale. 

Tale strategia investigativa si è rivelata fruttuosa, dato che successivamente l’auto è stata controllata con a bordo due donne che, una volta identificate, risultavano essere le stesse che, alla Spezia, si erano rese protagoniste dei prelievi fraudolenti in argomento.

Le due donne, entrambe cittadine bulgare, rispettivamente di 37 e 44 anni, già gravate da analoghi reati, sono state riconosciute con certezza assoluta dagli agenti della Squadra Mobile, non solo per i tratti somatici perfettamente collimanti, ma anche per alcuni capi di abbigliamento dalle stesse indossati in occasione dei reati.

Le due donne sono state denunciate per i reati di ricettazione ed indebito utilizzo di carte che abilitando al prelievo di denaro contante.

La Polizia consiglia di prestare sempre la massima attenzione a borse e zaini portati al seguito, soprattutto in luoghi affollati, dove distanze ravvicinate o attimi di distrazione potrebbero favorire persone malintenzionate.

Articoli Simili

Verified by MonsterInsights