ASL: territorio di Fosdinovo coperto dai servizi 118 grazie a automediche e nuovi modelli organizzativi  

ambulanza_118-2

In merito agli ultimi interventi di amministratori, esponenti politici e rappresentanti sindacali, l’Azienda USL Toscana nord ovest precisa la sua posizione sulla postazione 118 di Fosdinovo.

“L’emergenza territoriale nella zona di Fosdinovo – spiega il direttore dell’area aziendale “Emergenza urgenza 118” Andrea Nicolini – è stata nel tempo organizzata con la presenza del medico 118 a bordo dell’ambulanza della Pubblica Assistenza Concordia in orario 8-20 tutti i giorni.

Negli ultimi anni il sistema 118 ha però subito notevoli cambiamenti con l’introduzione di nuovi modelli organizzativi, rinnovate figure professionali, moderne tecnologie, evoluzioni in ambito formativo delle sue varie componenti e nuovo ruolo delle Centrali operative.

In questo ambito occorre sottolineare gli innovativi modelli organizzativi, operativi nell’ambito territoriale di Massa Carrara, che si sono realizzati in particolare con le automediche presenti sulle 24 ore. Nello specifico, il territorio di Fosdinovo si trova nell’area di competenza di ben due automediche, quella di Carrara e quella di Sarzana, in grado entrambe di intervenire in loco in tempi congrui eventualmente in supporto o con il supporto dell’ambulanza della Pubblica Assistenza Concordia.

Grazie a questa nuova organizzazione è possibile garantire la presenza di un mezzo di soccorso, l’automedica appunto, con a bordo un’equipe sanitaria composta da un medico e un infermiere in grado di intervenire su ogni emergenza e su ogni territorio con le attrezzature adeguate per far fronte a tutte le esigenze, permettendo al contempo di liberare un’ulteriore risorsa, l’ambulanza con soccorritori volontari di livello avanzato. Quest’ultima è in grado, secondo la normativa vigente, grazie all’utilizzo di strumenti e formazione specifica, di far fronte alle prime manovre di rianimazione cardio-polmonare e di stabilizzazione del trauma”.

“Fatta questa premessa – continua il dottor Nicolini – occorre considerare la situazione di crisi che sta attraversando il personale medico dell’emergenza territoriale che continua a ridursi, nonostante l’impegno costante per reperire il personale e le forme di incentivazione che la nostra Azienda ha da tempo ha messo in atto.

La riduzione della presenza del medico 118 sull’ambulanza della P.A. Concordia di Fosdinovo alle sole ore diurne dei prefestivi e festivi, si è resa necessaria per far fronte, almeno temporaneamente (questo è anche il nostro auspicio), al problema della carenza di personale medico 118.

Il nuovo modello organizzativo permette però di  garantire il costante mantenimento sul posto dei servizi di emergenza territoriale, migliorando addirittura lo standard precedente, grazie alla possibilità di far intervenire un’equipe sanitaria sul luogo di un malore o di un trauma.

Un’ambulanza svincolata dalla presenza del sanitario a bordo è tra l’altro più facilmente utilizzabile in prima battuta per ogni esigenza dove non sia necessaria la presenza del medico ma anche in supporto dell’automedica come primo mezzo di intervento rapido in grado di iniziare manovre salva vita”.

È bene ricordare che si tratta di un problema di livello regionale, che la Regione stessa sta attenzionando. La Asl, con i suoi professionisti, è comunque sempre disponibile a un confronto con il territorio.

Total
2
Shares
Lascia un commento
Related Posts
Leggi altro
“Un giorno senza sorriso è un giorno perso” diceva Charlie Chaplin e ne sono assolutamente convinti i 30…
Total
2
Share

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!