Anziani i più colpiti dall'emergenza sanitaria: "Cerchiamo di farli sentire meno soli"

“La situazione è difficile per tutti ma lo è particolarmente per gli anziani. Rappresentano in questo momento la fascia debole della popolazione, quella più colpita. E non dimentichiamo che la pandemia sta richiedendo un utilizzo enorme degli strumenti tecnologici per fare praticamente tutto. Anche comunicare a distanza. Ed è chiaro che è un fattore che aumenta le difficoltà per le persone più anziane. In questo momento dove la rete internet è lo strumento principale loro sono mediamente  i più esclusi. Quindi hanno questo duplice problema”. Lo sa bene Laura Menconi, presidente dell’Associazione per i diritti degli anziani, Ada, di Carrara e Fosdinovo, che ha dovuto limitare molto le proprie attività in questi mesi a supporto delle persone più fragili.
“Anche le nostre attività sono molto limitate dalle restrizioni Covid19, almeno per quanto riguarda le iniziative in presenza. Ci stiamo attivando  per supportare psicologicamente le persone più in difficoltà. Ad esempio durante il primo lockdown avevamo attivato uno sportello telefonico di supporto psicologico per le persone in difficoltà, grazie alla collaborazione di alcuni professionisti del settore. Ma non mancano gli anziani che cercano di rivolgersi ai nostri uffici, tutti i giorni, per trovare risposte ai loro problemi concreti: le pratiche di invalidità, come ottenere le riduzioni sulle bollette e molto altro ancora”.
In questo periodo difficile, gli anziani contattano l’associazione, anche tramite telefono, per sentirsi rassicurati e avere una voce di conforto: “Le domande che fanno sono tantissime. Vorrebbero capirne di più di che cosa sta succedendo. Vorrebbero riuscire a capire in maniera più chiara che cosa sia vero e che cosa sia una fake news perché ne circolano tantissime. Perché quelle che si trovano sulla rete poi vengono riportate anche a loro. Ma soprattutto chiedono di tornare presto alla normalità. Per cercare di dare una risposta a tutte le loro domande stiamo pensando di organizzare una o più iniziative in diretta streaming, anche sui social, per aiutarli a conoscere meglio questo mondo e questi strumenti, per insegnarli a utilizzarli per tutto: restare in contatto con parenti e amici e informarsi in maniera corretta”.

Total
0
Condividi
Lascia un commento
Articoli simili
Total
0
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: