mercoledì 28 Settembre 2022

Lame di Aulla, c'è l'accordo, mezzi superiori a 5 tonnellate potranno circolare in autostrada

I mezzi pesanti superiori alle 5 tonnellate, compresi i mezzi d’opera e per il trasporto marmi, potranno accedere tramite autorizzazione al transito autostradale. C’è il via libera da parte di Salt alla richiesta di Fita Cna che negli scorsi giorni dopo la frana alle Lame di Aulla aveva manifestato preoccupazioni sull’impossibilità, per le imprese di autotrasporto eccezionale della Lunigiana, di raggiungere i cantieri e destinazioni tra Toscana e Liguria. La fumata bianca è arrivata dopo l’incontro che si è tenuto al Comune di Aulla a cui hanno partecipato il Direttore di Cna, Paolo Ciotti, il sindaco, Roberto Vallettini, il parlamentare, Cosimo Ferri ed il referente di Salt.

L’obiettivo dell’incontro era quello di concordare soluzioni alternative alla viabilità dei mezzi di trasporto superiori alle 5 tonnellate, il cui transito era stato vietato da Anas sul tratto stradale interessato dal crollo di un ampio tratto del muro di sostegno della statale della Cisa lungo le Lame di Aulla. L’interdizione ai mezzi con massa superiore alle 5 tonnellate aveva bloccato l’attività delle aziende che utilizzano questa tipologia di veicoli, alla quali restava solo un’altra opzione: imboccare l’autostrada ma solo dopo aver ottenuto l’autorizzazione dal gestore previo pagamento della tassa di usura strada e dei relativi oneri. Un’ulteriore “balzello” di qualche migliaio di euro a veicolo che le imprese si troverebbero costrette a pagare vista l’impossibilità di transitare sulla strada statale.

“La disponibilità di Salt – commenta Ciotti – ci ha permesso di trovare velocemente una soluzione per quelle imprese che al momento risultavano non poter operare andavano incontro ad ulteriori perdite per il mancato esercizio della loro attività.  Nello specifico, grazie all’unanimità di vedute, – spiega ancora il Direttore – si è concordato di poter fare accedere all’autostrada tutti quei mezzi superiori alle 5 tonnellate che per loro natura non potevano accedervi, compreso appunto anche i mezzi d’opera e il trasporto dei marmi in blocchi che percorrevano quel tratto viario. Le aziende dovranno registrarsi e richiedere l’autorizzazione. Ringrazio Salt, il sindaco Vallettini e l’assessore Marco Mariotti e l’on. Ferri per averci messo velocemente in condizione di dare risposte alle imprese e al territorio”. Cna ha pubblicato sul proprio sito e sui social il link http://www.teonline.it/  che permette l’accesso al portale per la richiesta delle autorizzazioni e tutte le informazioni per ottenere l’autorizzazione.
Per informazioni: www.cna-ms.it oppure pagina ufficiale Facebook.

Ultime notizie

Turista tedesco disperso nei pressi del pontile di Massa

Sono proseguite per tutta la giornata le ricerche del giovane turista tedesco che, intorno alle 05.00 del mattino di ieri, si era tuffato nello...

Carrara: patteggia 18 mesi dopo aver derubato due distributori automatici

Ha patteggiato una condanna a diciotto mesi di reclusione un pregiudicato cittadino italiano che sabato notte ha ripulito i distributori automatici di generi alimentari...

Soccorso Alpino: intervento sul Lagastrello e decalogo per la sicurezza a funghi

Il Soccorso Alpino e Speleologico della Toscana è intervenuto lunedì sera nella zona del Passo del Lagastrello - in zona Comano, proprio dove nei...
it_ITItalian