Bugliani: "Enrico Rossi sarà dalla parte di Albiano e farà di tutto per adottare le soluzioni che sono richieste dal territorio"

“Sulla vicenda della ricostruzione del ponte di Albiano Magra servono risposte rapide e chiare. Sono consapevole che la realizzazione di un’importante infrastruttura come quella che da Albiano conduce alla strada statale 62 della Cisa richieda tempi giusti e ampia ponderazione delle scelte da compiersi da parte di tutti i soggetti a vario titolo coinvolti, ma dobbiamo dare al territorio e alla comunità di Albiano indicazioni puntuali su quello che si farà e quanto tempo sarà necessario per realizzarlo.
Circa le soluzioni da adottare nella fase transitoria non ho dubbio alcuno. Tutto il territorio, sia la comunità albianese, sia l’amministrazione di Aulla, hanno espresso un indirizzo chiaro: realizzare le rampe di collegamento in entrata e in uscita sull’autostrada A/15 e non un ponte provvisorio”. A dirlo è il consigliere regionale Giacomo Bugliani (Pd).
“Anche io, come consigliere regionale espressione del nostro territorio provinciale, sono dello stesso avviso e mi schiero accanto ai cittadini di Albiano e ai loro rappresentanti locali: realizziamo le rampe sulla A/15 perché questa è la soluzione temporanea più rapida e meno dispendiosa dal punto di vista economico. Anche perché non possiamo correre il rischio che la creazione di un ponte provvisorio dilati oltre modo i tempi per la realizzazione dell’opera definitiva. Questa soluzione, peraltro, appare anche la più idonea a soddisfare le esigenze delle numerose aziende che costituiscono il tessuto imprenditoriale e produttivo della zona ed è quella che meglio risponde alla tutela sanitaria della popolazione della frazione, consentendo una velocizzazione dell’intervento dei mezzi di soccorso in caso di necessità”.
“In questi giorni – prosegue Bugliani – ho avuto modo di confrontarmi più volte con il Presidente della Regione Enrico Rossi, che è stato individuato dal Governo come commissario straordinario per la ricostruzione. Il Presidente ha compreso a pieno le ragioni del territorio e si è reso disponibile a farsene portavoce, trovando la giusta mediazione con il Governo. Ad oggi, però, la sua nomina non è ancora ufficiale, poiché manca ancora il parere delle commissioni competenti presso la Camera dei Deputati, parere che mi auguro che, attraverso la sua relatrice on. Silvia Fregolent di Italia Viva, arrivi al più presto”.
“Per doveroso rispetto dei ruoli, pertanto, correttamente il Presidente della Regione non è ancora intervenuto ufficialmente, ma mi auguro che, una volta perfezionato l’iter della sua nomina, lo stesso possa avere la possibilità di dire la sua e di decidere sui percorsi che dovranno essere adottati, anche a titolo temporaneo, per Albiano. Se il Presidente della nostra Regione sarà, come sembra, commissario straordinario per la ricostruzione sia lui a dire, di concerto con il Governo e con il territorio e la sua amministrazione, cosa si dovrà fare per il bene della comunità di Albiano. Mi sembra scontato dire che nessuno può essere obbligato ad accettare un incarico così delicato se le scelte più importanti sono già state compiute. Voglio, quindi, fare un appello. Le commissioni competenti affrettino i tempi per il parere sulla proposta di designazione del commissario straordinario e il Presidente della Regione prenda al più presto in mano la situazione. So che Enrico Rossi sarà dalla parte di Albiano e della sua gente – conclude il consigliere regionale -, come lo sono io. E so anche che farà tutto quanto in suo potere per adottare le soluzioni che sono richieste dal territorio, trovando la giusta collaborazione con tutti i soggetti che a vario titolo sono chiamati ad intervenire nella fase di ricostruzione”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Related Posts
Total
0
Share

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!