2 Marzo 2024, sabato
9.5 C
Fivizzano

Il sindaco Mastrini non ci sta: “Torniamo alle Asl provinciali, basta ordini da Pisa”

“Di fronte ad una situazione sanitaria che vede, in maniera progressiva, lo smantellamento della sanità pubblica e territoriale occorre fare qualcosa. A nulla sono servite in queste anni le firme raccolte e le interrogazioni presentate in tutti gli organi e a tutti i livelli, dai Comuni alla Regione”.

Così si è espresso il Sindaco di Tresana, Matteo Mastrini, che è intervienuto sulla situazione sanitaria che riguarda la Lunigiana e la Provincia di Massa Carrara.

“Anche i Sindaci, ormai esclusi dalle conferenze zonali, non hanno più forza. Manca proprio un luogo in cui possa discutere con l’Asl e soprattutto decidere senza che siano altri a farlo per noi”, aggiunge il primo cittadino secondo cui a questa situazione di emergenza democratica si potrebbe porre rimedio attraverso alcune azioni: “Ritengo che sia giusto dare la parola ai cittadini attraverso uno strumento che smonti le maxi Asl e ci restituisca unità sanitarie veramente locali basate sui territori: non si possono più prendere ordini da Pisa quando i cittadini che ci hanno scelti vivono in Lunigiana e a Massa Carrara. Il referendum comunale è uno degli strumenti, insieme alla petizione, prevista dall’articolo 50 della Costituzione e al disegno di legge di iniziativa popolare di cui all’articolo 71 della Costituzione, con i quali è garantita la partecipazione diretta dei cittadini alla vita politica del Paese, considerata dall’articolo 3 della Costituzione, quale diritto inviolabile”.

Ad avviso del Sindaco di Tresana occorre riportare il piano decisionale al territorio: “Ma questi dirigenti che ci impongono le decisioni sui medici e gli infermieri a bordo delle ambulanze, sui reparti e sugli ospedali chi li ha votati? Noi non dobbiamo parlare di numeri, ma di bisogni. Noi lunigianesi, noi residenti della provincia di Massa Carrara siamo di meno, ma vogliamo contare di più. Adesso visiterò ogni singolo Comune della nostra Provincia per promuovere questa iniziative popolare. E sono in contatto con altri territori della Toscana che, come noi, hanno visto con chiarezza il peggioramento della medicina del territorio”.

Redazione
Redazione
Desk della redazione, con questo account pubblichiamo comunicati stampa, eventi e notizie di carattere regionale e nazionale
News feed
Notizie simili