sabato 10 Dicembre 2022

Cercare lavoro oggi: cosa aspettarsi dalle assunzioni da remoto?

Il COVID-19 probabilmente ha cambiato per sempre il mondo del lavoro. Sebbene alcuni cambiamenti possano essere permanenti e alcuni probabilmente soltanto temporanei, la nuova normalità significa che, d’ora in poi, molte cose nel mondo del lavoro verranno svolte a distanza. Ciò si traduce in lavoro ed eventi di networking, ma include anche il processo di assunzione da remoto per chi cerca lavoro, nonostante in ogni caso il lavoro da remoto abbia dei punti di difetto.

Uno degli aspetti unici della ricerca di un lavoro in questo periodo storico è che i datori di lavoro hanno spostato la maggior parte del loro processo di assunzione online. Dal colloquio all’onboarding fino al primo giorno, tutto l’intero processo potrebbe venire svolto da remoto.

Se non hai mai lavorato in remoto, o questo è il tuo primo lavoro, potresti non essere sicuro di cosa aspettarti. Le interviste a distanza sono diverse da quelle di persona? Sono l’esatto opposto? Come ci si deve comportare? Ecco tutto quello che devi sapere, comprese le linee guida per la realizzazione di un curriculum vitae ottimale.

Indicizza al meglio la tua ricerca

Nella tua ricerca per trovare un lavoro, devi iniziare cercando ovviamente nel posto giusto. In genere, ciò significa cercare all’interno di bacheche di lavoro dove vengono pubblicati annunci soprattutto da aziende moderne, in grado quindi di gestire processi di assunzione da remoto. Ci sono molti siti che pubblicano offerte di lavoro di questo tipo, e altrettante aziende che si sono già calate nel contesto di esigenza in cui ci troviamo.

Tuttavia, non è sufficiente cercare le giuste bacheche di lavoro. Devi anche cercare con le parole chiave giuste. Non tutti i lavori che dicono “remoto” saranno una buona scelta per te. Ad esempio, molti lavori da remoto hanno comunque requisiti di residenza e potrebbero richiedere una parziale gestione del colloquio in presenza.

Informati su quell’azienda prima del colloquio

Prima di candidarti per qualsiasi lavoro, dovresti sempre interessarti al 100% a quell’azienda. E anche se potresti pensare che sia più difficile ricercare un’azienda remota o conoscere la sua cultura, non è così.

Controlla il tuo datore di lavoro su LinkedIn, o persino sui social media. Guarda cosa dicono i dipendenti attuali ed ex dipendenti dell’azienda. Anche se non tutte le recensioni saranno brillanti (succede, ovviamente), la maggior parte delle recensioni dovrebbe essere positiva.

Inoltre, presta attenzione a come l’azienda sta rispondendo alla pandemia. Anche se la risposta dei loro clienti può essere una cosa, guarda cosa puoi scoprire su come trattano il personale. Il modo in cui l’azienda gestisce il personale durante questi tempi senza precedenti può dirti molto su come potresti essere trattato come un dipendente, e soprattutto cosa potrebbero chiederti in fase di colloquio a distanza.

Ottenere il colloquio

Una volta trovato un lavoro che ti interessa, devi convincere il responsabile delle assunzioni che dovrebbero intervistarti. È qui che diventa importante scrivere una lettera di presentazione e un curriculum vitae ben strutturati e personalizzati.

Per la realizzazione di quest’ultimo potrai fare riferimento a un particolare curriculum vitae modello che ti piace, oppure potrai scegliere tu il layout che darà maggiore risalto al tuo profilo professionale.

Naturalmente, metterai in evidenza le abilità e le esperienze che dimostrano che sei una figura perfetta per il lavoro scelto, comprese le tue abilità sia hard sia soft.

Se hai già lavorato per un’azienda da remoto, assicurati di metterlo in evidenza. Tuttavia, potrebbe non essere sufficiente dire “ha lavorato per un’azienda da remoto”. Prendi in considerazione l’utilizzo del metodo STAR per dimostrare ai datori di lavoro come puoi ottenere risultati indipendentemente da dove lavori: esso prevede di descrivere situazioni, compiti, azioni e risultati in ordine per parlare di ciò che si è fatto nella precedente azienda.

Se non hai mai lavorato per un’azienda da remoto prima, ciò non significa che non hai esperienza di lavoro da remoto. Pensa in modo creativo a ciò che hai fatto nei ruoli passati. Ad esempio, se hai lavorato con clienti o colleghi in fusi orari diversi, hai pur sempre sviluppato esperienza di lavoro a distanza.

Il lato pratico: gestire il colloquio da remoto

Saprai che il tuo arduo lavoro nella creazione di un curriculum è stato ripagato quando riceverai la chiamata per programmarti per un colloquio.

Ma, durante la pandemia, anche se stai cercando un lavoro al 100% di persona, potresti finire per ricevere l’intervista da remoto. Ecco come prepararla al meglio.

Anche se può sembrare che un colloquio a distanza possa avvenire ovunque, non è assolutamente così. Assicurati che ovunque tu abbia il tuo colloquio a distanza, il tuo spazio sia silenzioso e privo di interruzioni.

Inoltre, preparati per un’intervista video, e questo non significa vestirti al meglio (anche se dovresti). Assicurati di controllare il tuo background. È ordinato e pulito o disordinato e disorganizzato? Prenditi del tempo per spostare le cose e mettere ordine. Verifica la connessione Internet, disabilita qualsiasi possibile impedimento (ad esempio download attivi, streaming o altro) che potrebbero rallentare la tua connessione e rendere il colloquio difficile. Se si tratta di un colloquio via telefono, verifica che il microfono integrato nel tuo smartphone funzioni al meglio e che la voce si senta in modo cristallino.

Inoltre, se devi presentare qualcosa, sperimenta con il software utilizzato (ad esempio Zoom) condividendo lo schermo. Dimostrerai non solo professionalità, ma anche una possibile competenza in più provata in tempo reale.

Che cosa aspettarsi da un colloquio da remoto

Per molti aspetti, un’intervista a distanza è la stessa cosa di un’intervista di persona. Potresti avere un colloquio di lavoro o un colloquio individuale con diverse persone una dopo l’altra. Puoi aspettarti le domande “normali” dell’intervista e forse alcune un po’ più strane e inaspettate.

Se si tratta di un colloquio per una posizione specifica a distanza o anche per una posizione che è da remoto soltanto durante la pandemia, dovresti anche prepararti per domande di intervista specifiche a distanza: “Come fai a rimanere motivato e impegnato durante il giorno?”, “Perché vuoi lavorare da remoto? Oppure, perché ti piace lavorare da remoto?”, o ancora “Preferisci una posizione con più o meno responsabilità?”.

In questo modo sarai pronto per qualsiasi possibile domanda e non verrai di certo colto di sorpresa.

Ultime notizie

Big Band al teatro degli Animosi per i cento anni dalla nascita di Toots Thielemans

Concerto imperdibile sabato 10 dicembre alle 21.00 al Teatro degli Animosi di Carrara per il concerto conclusivo della sesta edizione di MutaMenti Three Views of...

Torna Dolce&Farina il contest per i produttori di farina di castagne della MaB dell’Appennino Tosco Emiliano

C'è un alimento dal sapore antico di secoli. In Appennino, dove ancora lo si produce, torna il contest a lui dedicato: Dolce&Farina, è la...

Lucchetti (Forza Italia Filattiera): “Ciclovia dei Castelli, urgente la manutenzione”

Riceviamo e pubblichiamo: La ciclovia dei castelli è un percorso cicloturistico ad anello sulle sponde del Magra che tocca i comuni di Pontremoli, Filattiera, Bagnone, Villafranca...
it_ITItalian