giovedì 23 Maggio 2024

A Pontremoli “Il Gattopardo della Lunigiana”

Riceviamo e pubblichiamo da parte dei consiglieri di minoranza del gruppo Pontremoli Più Elisabetta Sordi, Elena Battaglia, Mario Bassi e Matteo Bola.


La tornata elettorale delle politiche ha messo in luce ancora una volta la capacità gattopardesca della maggioranza pontremolese, che cambia tutto per non cambiare niente.

Un assaggio lo abbiamo avuto già con la nascita, dopo pochi mesi dall’affermazione della granitica lista civica “Cara Puntremal“, di due gruppi consiliari indipendenti, “Italia Viva” di Clara Cavellini e “Pontremoli Viva” di Michele Lecchini, entrambi formati solo dai propri fondatori.

È un dettaglio il fatto che i fondatori siano Vicesindaco e Presidente del Consiglio Comunale? Secondo noi non proprio, almeno nella scelta di distinguere formalmente i gruppi dalla compagine di maggioranza.

Ma poi, a tanto ardore, non è mai corrisposta altrettanta decisione nel rimarcare qualche posizione di distanza; allora, perché mai la necessità di prendere posizioni formalmente differenti?

Ecco qua il capolavoro: in occasione delle politiche 2022, anche il Sindaco e l’assessore al Bilancio si sganciano pubblicamente e fragorosamente dalla linea del centro destra, per sostenere il candidato di Italia Viva insieme agli altri colleghi.

Allora, per risolvere il problema, come se fossimo in seconda elementare: se abbiamo una maggioranza che conta 8 consiglieri e il Sindaco e da questa maggioranza mettiamo da parte prima 2 consiglieri e poi un altro consigliere e il sindaco, da quanti elementi sarà composta la maggioranza residua?

Sempre da 9, perché in realtà il giochino è proprio questo: andare di qua e di là, spostando le pedine secondo convenienza, creando un pochino di fumo senza mai spostare l’arrosto.

Attenzione, rimarcando sempre tutto come scelta di libertà e di coerenza con la propria linea, che essendo propria non è nota a nessuno.

A fugare, ulteriormente, ogni dubbio relativamente alla logica linearità della posizione, arrivano sia la considerazione di rammarico per il mancato raggiungimento del risultato del candidato, sia la felicità per la vittoria della linea politica generale.

Che non è quella del candidato sostenuto, ma tant’è; anzi, proprio perché Italia Viva riesce a stare con il centrosinistra in Regione, con il centrodestra a Carrara e al centro da solo alle politiche, è perfetta per le necessità dei nostri.

Il gattopardo pontremolese è in splendida forma, pronto a ritrovare il solito smalto per la prossima votazione in Consiglio Comunale.

Ovviamente, tutti compatti.

Diego Remaggi
Diego Remaggihttp://diegoremaggi.me
Direttore e fondatore de l'Eco della Lunigiana. Scrivo di Geopolitica su Medium, Stati Generali e Substack.
Verified by MonsterInsights