giovedì 6 Ottobre 2022

Mastrini: “Se l’Asl non intende sostituire i medici di medicina generale prossimi alla pensione, manifesteremo”

Nelle prossime settimane alcuni medici di medicina generale della Lunigiana guadagneranno la meritata pensione, ma a quanto pare l’Azienda ASL Toscana Nord Ovest non intende sottuirli.

A fare le barricate il Sindaco di Tresana, Matteo Mastrini, che da sempre non accetta le imposizioni e le scelte del direttore di turno, che piovono sul territorio con conseguenze deleterie.

Per questo Mastrini ha inviato una mozione alla Società della Salute, nelle persone del direttore Dott. Amedeo Baldi e del Presidente della SDS Riccardo Varese in cui scrive:

“Il sottoscritto Matteo Mastrini, Sindaco di Tresana, Comune socio della Società della Salute della Lunigiana,  in considerazione dei prossimi pensionamenti che riguarderanno i medici di medicina generale operanti all’interno dell’Azienda Sanitaria Toscana Nord Ovest; visto che, nei piccoli Comuni, i medici svolgono un’importante funzione sanitaria e sociale, rispondendo ai bisogni delle persone più fragili; Considerato che per quanto a nostra conoscenza, non sarebbe intenzione dell’Azienda sostituirli mettendo i pazienti nella condizione di doversi rivolgere a medici non operanti sul territorio comunale; Preso atto che la mancata sostituzione porrebbe i pazienti stessi in condizione di disagio sociale e sanitario; Impegna l’Assemblea della Società della Salute della Lunigiana, il direttore Amedeo Baldi e il Presidente Riccardo Varese a farsi parte attiva chiedendo al direttore dell’Azienda Sanitaria Toscana Nord Ovest, Maria Letizia Casani, di sostituire con urgenza tutti i medici di medicina generale prossimi alla pensione ed operanti nei Comuni della Lunigiana in modo da assicurare a tutti i cittadini, in particolare ai più fragili, un servizio di prossimità utile a garantire il diritto alla salute nelle zone periferiche e marginali come la Lunigiana”.

Un problema che riguarda anche Tresana, dove un medico dovrebbe guadagnare la pensione ne mese di dicembre:

“Se la Lunigiana non condivide queste battaglie in maniera unitaria non abbiamo speranza di uscirne vincitori. Io chiedo a tutti i miei colleghi di pronunciarsi e chiedo anche che il direttore dell’Asl ci riceva e ci ascolti. Il Comune e lo studio del medico di medicina generale restano fra i pochi presidi a garantire il diritto a vivere in montagna. Non possiamo arretrare ulteriormente”.

Ultime notizie

L’immobilismo europeo e lo “strappo” tedesco

Le prime “bollette pazze” stanno raggiungendo anche le famiglie, dopo aver già colpito le aziende. Alcune delle quali hanno già chiuso come i Caroli...

Tresana: un ottobre tra zucche e castagne

Sarà un mese ricco di iniziative a Tresana, incentrato sulla valorizzazione della castagna e sugli eventi ludici: domenica 9 ottobre Fiera d'autunno presso il...

Ricciardi lancia Forza Italia verso le amministrative con il congresso comunale di Massa

In una sala gremita Emanuele Ricciardi, Commissario provinciale di Forza Italia, alla presenza del Coordinatore regionale Massimo Mallegni, ha lanciato il movimento politico azzurro...
it_ITItalian