Aulla, 64 le persone vaccinate oggi contro il meningococco C

L’ASL Toscana nord ovest e la Società della Salute della Lunigiana continuano ad essere in prima linea contro la meningite e il loro sforzo sarà ancora maggiore nelle prossime settimane.
Il tutto a fronte di una richiesta ancora crescente di essere vaccinati contro il meningococco di tipo C da parte dei cittadini, come si è visto stamani, presso il poliambulatorio di piazza della Vittoria ad Aulla, in occasione della prima delle giornate lunigianesi del “Vaccino Day”, durante la quale sono state vaccinate, del tutto gratuitamente fino ai 45 anni di età, ben 64 persone.
Di esse, un quinto è arrivato da fuori Lunigiana, a dimostrazione che l’attenzione per la propria salute da parte dei cittadini, giustamente, è massima, di qualunque parte essi siano.
Infatti, a contattare il CUP per prenotare la vaccinazione, ad esempio, sono anche studenti di La Spezia che frequentano l’Università a Pisa e ieri persone provenienti da Montignoso si sono spinte fino ad Aulla per essere vaccinate.

Una tale domanda, quindi, esige un potenziamento dell’offerta vaccinale ed è quello che ha fatto la SdS Lunigiana, predisponendo un raddoppiamento, da lunedì 23 gennaio, delle ore a disposizione dei medici per vaccinare gli utenti contro la meningite presso i presidi sanitari lunigianesi di Aulla, Caniparola di Fosdinovo, Fivizzano, Pontremoli e Villafranca.
E uno sforzo ancora maggiore verrà messo in campo dalla SdS Lunigiana in vista della seconda giornata lunigianese del “Vaccino Day”, in programma sabato 4 febbraio sempre presso il poliambulatorio di piazza della Vittoria ad Aulla.
Uno sforzo ben ripagato dalle percentuali per quanto concerne gli adolescenti lunigianesi, visto che nel contesto dalla campagna vaccinale in corso, in base agli ultimi dati disponibili, l’87% di questi si è vaccinato a Pontremoli, l’84% a Fivizzano, l’83% a Villafranca e l’80% ad Aulla; una qualche criticità, però, permane nel Comune di Fosdinovo, poiché “soltanto” il 61% degli adolescenti di quel Comune si è vaccinato a Caniparola: da qui il forte appello della SdS Lunigiana ai giovani e alla popolazione tutta di Fosdinovo a vaccinarsi contro il meningococco di tipo C, in modo da tutelare la propria e l’altrui salute.

I recenti di contagio avvenuti rendono ancora più necessario tenere alta la guardia, soprattutto per i ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 20 anni, mai vaccinati o vaccinati da più di 5 anni.
Per loro e per tutto il resto della popolazione solo negli ambulatori dei distretti e dei dipartimenti di prevenzione del territorio di cui sopra sarà possibile accedere alla prestazione medica.
La vaccinazione rappresenta la misura più efficace per ridurre il rischio di diffusione della infezione da meningococco C, poiché assicura una protezione diretta nei confronti del vaccinato, ma anche indiretta nei confronti dell’intera popolazione, in quanto riduce la circolazione del batterio anche negli eventuali portatori sani, la cosiddetta immunità di gregge.
Da ricordare che le prenotazioni possono essere effettuate presso le sedi CUP oppure attraverso il CUP telefonico al numero 848800920.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Related Posts
Total
0
Share

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!