Truffato per una partita di pellet: denunciato un 26enne

Era di certo allettante l’offerta trovata su interne da un uomo di 47 anni, cittadino italiano, residente in alta Lunigiana, relativa all’acquisto di pellet da riscaldamento, un euro in meno rispetto al prezzo di mercato completo di spedizione.


In questo momento di crisi risparmiare è una manna da cielo ma, purtroppo, l’uomo non ha fatto i conti con le insidie che si nascondono dietro gli acquisisti online, a maggior ragione se si paga prima dell’arrivo della merce, questo anche grazie all’astuzia del truffatore che, una volta ricevuto il bonifico bancario per la cifra pattuita: circa 500 euro, ha inviato al compratore un link per monitorare il viaggio della merce.


Purtroppo, passati dieci giorni dal bonifico, la merce non è arrivata, il link ha smesso di funzionare ed il contatto internet del venditore è sparito.
Al malcapitato non è rimasto altro che denunciare il fatto ai carabinieri, che hanno avviato subito le indagini del caso riuscendo ad identificare e denunciare alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Massa il truffatore, un cittadino italiano di origini piemontesi di 26 anni, con precedenti penali: ben 29 nel giro di due mesi.


A seguito di questa vicenda i Carabinieri traggono spunto per raccomandare a tutti di prestare la massima attenzione sugli acquisti on-line diffidando “sempre” di proposte provenienti da siti non certificati o il cui prezzo non sia minimante in linea con il mercato di quello specifico prodotto.

Lascia un commento
Total
1
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!